google e ford

Google e Ford sarebbero pronte ad unirsi in una nuova joint venture per rivoluzionare il settore dell’automobile e realizzare un automobile senza guidatore da mettere su strada entro il 2020; questa notizia è stata riportata ieri da alcuni dei maggiori organi di informazione tra i quali Reuters, Yahoo Auto e Bloomberg.

Secondo quanto emerso, Google e Ford starebbero discutendo da tempo per unirsi in una Joint Venture che potrebbe portare all’annuncio, da dare in occasione del CES 2016, della nascita di una nuova società dove fondere il know how delle due aziende per la realizzazione del progetto “auto a guida autonoma”.

Se da una parte infatti Google può vantare uno sviluppo del proprio sistema di guida automatizzato già in uno stato decisamente avanzata e che ha consentito ai vari prototipi già realizzati di percorrere qualcosa come 1 milione di miglia sulle strade della California, è in dubbio che Ford abbia conoscenze e sopratutto mezzi per sfruttare ed implementare questi software su automobili e mezzi già pronti per la produzione su grande scala.

Google Car come Android?

Il portavoce ufficiale di Google ha preferito non commentare l’indiscrezione trapelata in queste ore anche se diversi funzionari dell’azienda, interpellati dall’agenzia Reuters avrebbero confermato che l’azienda è impegnata da tempo  prendere contatti con diverse case automobilistiche. Alcuni ipotizzano che la scelta di Google di contattare diverse case potrebbe essere dettata anche dalla volontà da parte di Big G di riproporre quanto già fatto con il sistema operativo Android: fornire una piattaforma universale che ogni casa automobilistica possa implementare sui propri veicoli seguendo le linee guida di Big G, creando così un vero ecosistema automobilistico “targato Google”.

Indiscrezioni ed ipotesi a parte, per sapere davvero quali sono i piani di Google e Ford per la realizzazione di un automobile a guida autonoma sarà probabilmente sufficiente attendere ancora alcuni giorni visto che fortunatamente il CES 2016 è ormai alle porte (5 – 9 Gennaio), così come potrebbe esserlo una vera rivoluzione per l’intero settore automobilistico.

CONDIVIDI