Hady Lamarr

Google ha deciso quest’oggi di celebrare il 101° anniversario dalla nascita di Hedy Lamarr, attrice ed inventrice, considerata la donna più bella del cinema e sicuramente con una mente al di fuori del normale, in grado di inventare il sistema di comunicazione crittografato alla base delle moderne comunicazioni Wi-Fi e Bluetooth.

Hedy Lamarr, attrice ma sopratutto genio

Hedy Lamarr, ovvero Hedwig Eva Maria Kiesler, nata a Vienna il 9 novembre 1914, fu lanciata nel mondo dello spettacolo alla fine degli anni venti da Max Reinhardt che portandola con se a Berlino, le diede modo di lavorare in teatro, rinunciando così però ai corsi di laurea in ingegneria che aveva intrapreso e per i quali era considerata un’allieva dall’intelligenza fuori dal comune.

Hady Lamarr

La prima scena di nudo al mondo

Hedy Lamar è ricordata nel mondo del cinema per essere stata una delle prime attrici ad apparire in una scena di nudo in occasione del film Estasi, presentato alla 2a Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia e oggetto di pesanti censure in tutto il mondo.

Nel mondo del cinema, Hedy Lamer sarà anche ricordata per essere stata nominata più volte, “la donna più bella del cinema“, grazie al suo fascino fuori dal comune e alle ottime doti recitative, mostrate in circa venticinque film girati in altrettanti anni di carriera, nei quali ha lavorato con alcuni dei registi più famosi dell’epoca e soprattutto con attori del calibro di Spencer Tracy, Judy Garland, Clark Gable e James Stewart.

La progenitrice delle moderne comunicazioni Wireless

L’aspetto più particolare però di Hedy Lamarr è però legato alla sua carriera di inventrice: la Lamarr infatti è stata considerata una delle menti più all’avanguardia per quanto concerne la moderna tecnologia delle comunicazioni. 

Hedy Lamarr

Durante la seconda guerra mondiale infatti, spinta da un profondo odio per il nazismo e la sua ferma volontà di aiutare i suoi compagni ebrei austriaci, Hedy Lamarr, con l’aiuto del compositore d’avanguardia George Antheil ebbe un idea folgorante:, riuscì ad inventare e brevettare un sistema di trasmissione a divisione di spettro, la cosiddetta “spread spectrum”, progenitrice delle moderne comunicazioni wireless ed in grado di telecontrollare le armi utilizzate dagli Stati Uniti, quali siluri e missili, bloccando la possibilità per i tedeschi di intercettarne e modificarne i segnali radio.

Un  bacio da 25 mila dollari

L’idea rivoluzionaria della Lamar non suscitò grandi entusiasmi e fu bocciata da Washington e dall’esercito che lo ritenne troppo complicato per essere adottato. La Lamarr fu invitata a restare a Hollywood per sfruttare il fascino di diva del cinema nella raccolta dei fondi necessari per finanziare la guerra.

Hedy Lamarr

Sebbene fortemente delusa per il naufragio del suo progetto Hedy Lamarr accettò l’invito e offrendo un bacio a chi avesse sottoscritto almeno 25.000 dollari di obbligazioni, riuscì a raccogliere in una sola serata, l’incredibile cifra di 7 milioni di dollari.

Il Doodle di Google

La sua invenzione, ripresa e sviluppata ulteriormente negli anni successivi, è oggi alla base delle comunicazioni wireless e bluetooth di smartphone, tablet e PC e per questo Google ha deciso di rendere omaggio con un bellissimo Doodle animato.

Il Doodle animato, visibile nella pagina principale del motore di ricerca di Google, realizzato da Jennifer Hom, celebra il 101 anniversario della nascita della Lamarr, mettendo in evidenza alcuni dei momenti principali della vita dell’attrice, con un sottofondo musicale  creato dal compositore Adam Ever-Hadani ed in pieno stile anna quaranta.

Come spiegato dalla Hom, per la realizzazione del Doodle, sono state studiate le locandine dei film e le immagini pubblicitarie degli anni quaranta, in modo da ricreare alla perfezione lo spirito dell’epoca storica nella quale questa attrice ed inventrice, i cui studi e le ricerche sono ancora visibili sui nostri smartphone e PC, ha vissuto ed è stata protagonista.

CONDIVIDI
Articolo precedenteiPhone 6s Plus vs LG G4: comparativa completa e foto
Prossimo articoloSamsung Galaxy Golden 3, in arrivo lo smartphone Android a conchiglia