Ciò che ha sempre identificato Google è il suo logo semplice e immediato e, anche in questo cambio, non ha tradito la sua “politica”. Google cambia logo e sono stati molti i creativi dell’azienda in opera per riuscirci.

Da quando Google è nato, sono state le piccole modifiche che l’azienda ha fatto al suo logo. Nel 1998 optarono per colorare la lettera “L” di verde. Un anno dopo inclinano la “E”, un po’ come dire a tutti che non sono convenzionali, che vanno per vie traverse.

Bisogna proprio ammetterlo, quando Google cambia logo, la cosa non passa inosservata. E non è un caso se il logo cambia in seguito alla venuta al mondo di Alphabet, decisa ovviamente da Sergey Brin e Larry Page, la holding che da oggi controllerà tutte le divisioni di Google.

L’annuncio di tale nascita è avvenuto alcune settimane fa e oggi, anche grazie al nuovo Doodle di Google, è possibile vedere il suo nuovo logo. E’ dal 2003 che non si vedevano cambiamenti.

Questo logo come potete vedere dall’immagine qui sopra, ha mantenuto i suoi tradizionali colori, ma questa volta è il carattere a diventare più chiaro e netto.Scelgono un bel Sans Serif. Un’evoluzione che vuole confermare la crescita dell’azienda.

Tamar Yehoshua, il Product Management e Bobby Nath, Direttore del settore Esperienza Utente, scrivono in un post sul fatto che Google cambia logo: “Diciamo anche addio alla piccola G che è stata la nostra icona fino ad ora e la sostituiamo con un simbolo in linea con il nuovo logo. Non è la prima volta che cambiamo il nostro look e probabilmente non sarà nemmeno l’ultima, ma pensiamo che la novità di oggi rifletta tutti i modi in cui Google lavora per voi, dalla Ricerca a Google Maps, passando per Gmail, Chrome e altri prodotti. Abbiamo preso il meglio di Google (la semplicità, la linearità, i colori, la sua natura giocosa) e lo abbiamo rielaborato non solo per la Google di oggi, ma anche per quella del futuro. Presto vedrete il nuovo design su tutti i nostri prodotti: speriamo vi piaccia!”