gmail

Google ha da poche ore introdotto nuovi termini di servizio per il proprio servizio di messaggistica gratuito Gmail che vanno ad allarmare gli utenti di tutto il mondo dal punto di vista della privacy, anche se in realtà senza un reale motivo.

Bisogna infatti sapere, che Google da sempre scansiona in automatico i contenuti delle mail che passano su Gmail al fine offrire ulteriori servizi quali promemoria appuntamenti, prenotazioni, spedizioni e molto altro ancora. Ovviamente il tutto avviene attraverso algoritmi di scansione automatiche che non mostrano i risultati di queste letture a nessun tecnico Google, proprio per una gestione della privacy massima e priva di pericoli per gli utenti.

Dal 14 Aprile, Google ha però modificato i termini di servizio di Gmail per consentire ai propri sistemi di scansione di verificare gli argomenti delle mail e fornire oltre ai servizi sopra citati anche delle pubblicità contestualizzate alle mail stesse e che verranno visualizzate direttamente al successivo accesso a Gmail da parte dell’utente.

 Ecco la comunicazione ufficiale rilasciata da Google a riguardo:

Our automated systems analyze your content (including emails) to provide you personally relevant product features, such as customized search results, tailored advertising, and spam and malware detection. This analysis occurs as the content is sent, received, and when it is stored.

&nbsp

I nostri sistemi automatizzati analizzano i vostri contenuti (incluse le e-mail) per fornire servizi personali contestualizzati, come ad esempio, risultati di ricerca personalizzati, pubblicità e rimozione automatizzata di spam e malware. Questa analisi si verifica per tutto il contenuto inviato, ricevuto, e quando è memorizzato.

Per cui, nonostante l’allarmismo diffuso da diverse testate giornalistiche e blog e la paura di violazione della propria privacy da parte di alcuni utenti, questa variazione non cambia di molto ciò che è sempre avvenuto da parte di Google e che è da sempre il prezzo da pagare per avere un servizio di messaggistica (e molto altro) così potente e “gratuito”, con la semplice differenza rispetto al passato che ora avremo qualche messaggio di pubblicità personalizzato in più!

E voi cosa ne pensate delle novità introdotte in Gmail da Google? Pensate che la vostra privacy sia a rischio? Aspettiamo i vostri commenti!

Via

CONDIVIDI