smartwatch

Era soltanto questione di tempo prima che gli smartwatch operassero il sorpasso ai danni dei più tradizionali ed eleganti orologi svizzeri. Una evenienza confermata in questi giorni dalla società di consulenza Strategy Analytics, che ha incoronato Apple Watch come l’indossabile intelligente più smerciato lungo il periodo del quarto trimestre 2015, particolarmente gettonato in ragione delle festività natalizie: secondo le stime della fonte in questione, sarebbero state infatti ben 5.1 milioni le unità spedite da Apple, ed immaginiamo che molte di queste siano state confezionate e poste prontamente sotto l’albero.

Gli smartwatch continuano dunque a raggranellare successo ed apprezzamento, indebolendo di fatto l’industria dell’orologeria svizzera, da sempre capeggiata da marchi roboanti e dall’alto valore economico. Le vendite degli indossabili equipaggiati da Android Wear, Tizen e watchOS hanno registrato un clamoroso aumento del 319%, corrisposto da un totale di 8.1 milioni di smartwatch commercializzati nel quarto trimestre del 2015 (7.9 milioni invece quelli degli orologi più tradizionali). A guidare il settore in fermento è Apple Watch, che detiene il 63% della quota di mercato, seguito a ruota da Samsung con il ben più modesto 16%.

Un aumento costante ed in profonda antitesi con la situazione registrata nel quarto trimestre del 2014, là dove gli orologi svizzeri dominavano il settore dall’alto degli 8.3 milioni di pezzi venduti. Secondo Strategy Analitycs, il successo degli smartwatch può esser addebitato alla scarsa capacità di reazione dei produttori elvetici, erroneamente consci che il mercato degli indossabili intelligenti avrebbe faticato non poco ad affermarsi negli anni a venire. La realtà ha messo in evidenza il contrario e non sorprende che marchi storici come Tag Heuer e Swatch stiano accarezzando l’idea di aggredire il sempre più in voga mercato degli orologi tecnologici, considerato dai più come il futuro dei prodotti al nostro plso. Al netto della storia portata gloriosamente avanti da Rolex, Audemars Piguet ed affini.

via

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteGears of War: Ultimate Edition, ecco i requisiti per giocarci da PC
Prossimo articoloMass Effect Andromeda uscirà a fine 2016 (Ps4, Xbox One e PC)