truffa Apple ID iPhone

Gli hacker fanno da terzo incomodo nella battaglia tra Apple e l’FBI avente ad oggetto lo sblocco degli iPhone. E la nuova truffa Apple ID intentata contro gli utenti della mela potrebbe anche assumere connotati e risvolti ben peggiori rispetto alle conseguenze paventate dall’Amministratore Delegato Tim Cook in occasione dell’ormai celebre strage di San Bernardino. Bramati e chiacchierati, la proverbiale sicurezza degli iPhone e, più in generale, dei dispositivi Apple rischia infatti di naufragare di fronte alla nuova truffa articolata da alcuni hacker e volta all’accesso dei dati sensibili mediante il trafugamento dell’account Apple (username e password). Operazione indubbiamente assai più facilitata ed <<alla portata>> rispetto alla creazione di un backdoor per accedere ad iOS, per inciso la richiesta avanzata dall’FBI al colosso di Cupertino.

La truffa Apple ID di cui trattasi sembra quasi esser in raccordo con la <<questione>> buono sconto Zara su WhatsApp, seppur con protagonisti e modalità completamente antitetici. Nessun coupon di 150 euro gentilmente regalato da alcun brand dell’industria dell’abbigliamento, stavolta, bensì un semplice SMS sull’iPhone spedito da chi dice d’esser il supporto Apple. Il messaggio di testo – inviato in realtà dagli hacker – fa espresso richiamo alla scadenza del nostro account e sulla correlata richiesta, onde evitarne la cancellazione, di aggiornare i dati di accesso mediante la creazione di uno nuovo: al malcapitato utente verrà quindi chiesto di visitare il sito web sottostante al messaggio – il nocciolo della truffa Apple ID –  e di compilare il contestuale form, contenente tra le altre cose la digitazione delle attuali credenziali di accesso al nostro account.

La conseguenza è ben chiara a tutti, allorché il completamento dei sopra riportati passaggi darà modo agli hacker di accedere al cuore delle informazioni personali degli utenti, mettendo le mani su dati potenzialmente allettanti fra i quali spicca il numero di passaporto e, soprattutto, gli estremi della nostra carta di credito. Una pratica – conosciuta sotto il nome di phishing – abbastanza diffusa sul web e legata più generalmente all’invio di messaggi di posta elettronica da si taccia esser la banca o compagnie di carta di credito. Secondo quanto riportato dalla redazione di The Indipendent, la truffa Apple ID di cui trattasi sembra esser circoscritta, colpendo nello specifico soltanto alcuni possessori britannici di iPhone. Il colosso di Cupertino non ha ancora rilasciato commenti ufficiali alla notizia, ma quel che preme sottolineare – come Apple medesima ha d’altronde fatto sulla pagina di supporto online – è che l’Apple ID non ha scadenza, indi per cui cancellate immediatamente qualsivoglia messaggio contenente l’aggiornamento dei dati dell’account su iOS.

via

  • Raffaele Birkhoff

    bah , se esiste gente tanto stupida che ci casca ancora, se lo meritano -.-