Galaxy Note 9, il nome in codice è tutto un programma

Galaxy Note 9, il nome in codice è tutto un programma

Galaxy Note 9 si avvicina a grandi passi in vista della sua presentazione ufficiale che, a detta delle ultime indiscrezioni, potrebbe esser programmata attorno alla fine del mese di luglio od all’inizio di agosto, con un contestuale avvio dei pre-ordini e messa in commercio. L’obiettivo di Samsung è evidentissimo: anticipare la concorrenza e, nello specifico, Apple, evitando che il nome del secondo smartphone top di gamma del gigante di Seoul possa esser offuscato dai nuovi iPhone.

E a proposito del nome, c’è persino un dettaglio tutto sommato interessantissimo. Acclarato che Galaxy Note 9 si chiamerà così e che questo sarà l’appellativo commerciale col quale gli utenti di tutto il mondo lo conosceranno, è prassi usuale per i produttori contrassegnare i propri dispositivi sotto nomi in codice abbastanza particolari e, forse, anche indicativi di ciò che il terminale in questione andrà poi a metter in mostra, in ossequio alle sue caratteristiche distintive. Indovinate quale è l’appellativo tecnico del secondo smartphone Samsung top di gamma? Corona.

Sì, proprio corona. E in effetti il nome pare esser tutto sommato azzeccato con quelle che sono le intenzioni di Samsung. Galaxy Note 9 vuol infatti conquistare senza indugi lo scettro di miglior smartphone del 2018, ed è per questo che abbisogna di alcuni accorgimenti rispetto al già valido lavoro orchestrato con l’attuale Galaxy S9 Plus, dal quale erediterà gran parte della scheda tecnica. Il gigante di Seoul ha infatti l’impellenza di dover sistemare necessariamente l’autonomia dei propri top di gamma – che impallidiscono dinanzi alla concorrenza, che dal suo lato mette sul piatto moduli batteria a partire da 4.000mAh – ed è per questo che Galaxy Note 9 rappresenterà effettivamente una svolta in tal senso, in ossequio ad una durata della batteria finalmente competitiva e conforme ai più recenti standard del settore mobile.

E se a questo aggiungiamo il proverbiale lavoro condotto da Samsung relativamente al display e fotocamera, uniti in questa occasione alla presenza dell’unicità della S-Pen. ebbene non ci sono grossi ostacoli nel definire subito Galaxy Note 9 tra i migliori smartphone del 2018. Riuscirà a guadagnare però la corona a dispetto della concorrenza? Lo scopriremo nei prossimi mesi.

FONTE: PhoneArena

 
Hai trovato questa notizia interessante e vuoi ricevere tutte le news di giornata per posta elettronica? Iscriviti alla newsletter di KeyforWeb.it inserendo qui sotto la tua email: