Linux è un sistema operativo molto interessante. Moltissimi utenti, aziende e istituzioni hanno deciso di adottare questo sistema operativo e le sue distribuzioni sia per il lato economico ma anche perché offre una grande stabilità e sicurezza. Con l’avvento di Ubuntu, Linux è diventato alla portata anche dell’utente medio grazie alla sua interfaccia grafica e per lo store che fornisce moltissimo software senza la necessità di installarlo da terminale. Il problema presente in Ubuntu è la scarsità di giochi. Fortunatamente vi sono aziende che hanno deciso di portare i propri prodotti anche su questa piattaforma. Football Manager 2016 è il perfetto esempio di un ottimo gioco messo a disposizione per la comunità ubuntoniana.

In effetti i produttori di Football Manager 2016 ovvero Sport Interactive hanno spesso prodotto videogiochi, come i suoi predecessori, proprio per questo sistema operativo. Il nuovo Football Manager riprendere il già ben collaudato modo di gioco. In effetti è possibile prendere il totale controllo di una delle tantissime squadre di calcio presenti in cinquanta paesi del mondo. Sarà possibile quindi scegliere la formazione, contrattare con gli sponsor e fare i colloqui con i propri collaboratori. Questo gioco è inoltre dotato di un ottimo motore grafico 3D che accompagna i giocatori in un’ottima esperienza di gioco. Questa nuova versione dovrebbe portare una serie di novità come la possibilità di aumentare la fantasia degli attaccanti, migliorare i contropiedi e creare una bozza della squuadra.

Football Manager 2016 ha bisogno dei seguenti requisiti minimi: sistema operativo Ubuntu 12.04 LTS, 2 GB di RAM e 3 GB di spazio di archiviazione. Il processore dev’essere almeno un Intel Pentium 4 o AMD Athlon da 1.8 GHz.