Fibra Ottica, in Italia come strumento per la rilevazione di terremoti

Fibra Ottica, in Italia come strumento per la rilevazione di terremoti

Chi avrebbe mai pensato di associare la parola fibra ottica a quella di “terremoto“. Una situazione ambigua ma che descrive come su questa tecnologia ci sia ancora molto da scoprire. Nuove ricerche sembrerebbero infatti confermare che questo utile “componente” potrebbe essere usato come strumento a basso costo per la rilevazione di eventi sismici.

La fibra ottica è molto più che uno strumento di velocità

Un professore italiano dell’università di Stanford, precisamente Biondo Biondi, ha dimostrato che la fibra può essere utilizzata per rilevare e catalogare correttamente anche gli eventi sismici più quieti. In Italia poi, paese dove i terremoti possono essere, sfortunatamente, all’ordine del giorno, la cosa sarebbe utilissima. Ma come è possibile questa cosa? Ve la spieghiamo subito.

VAI SUBITO ALLO SPEED TEST ADSL E VDSL -> CLICCA QUI

I cavi in fibra ottica sono sottilissimi e naturalmente inseriti all’interno del terreno per cablare le varie città. Nel 2017 la situazione in Italia è migliorata parecchio ed in futuro la copertura dovrebbe essere estesa a sempre più città. In caso di terremoto i cavi andrebbero ad oscillare. Grazie a queste oscillazione sarebbe possibile individuare l’esatta posizione e l’intensità del sisma. La nuova tecnica studiata all’interno dell’università prende infatti in esame proprio queste “preziose” oscillazioni per trarne informazioni. Ricordiamo che attualmente grazie alle connessioni FTTH è possibile raggiungere velocità speedtest di 1Gbps.

 
Hai trovato questa notizia interessante e vuoi ricevere tutte le news di giornata per posta elettronica? Iscriviti alla newsletter di KeyforWeb.it inserendo qui sotto la tua email: