Facebook rilascia l'app per le videochiamate di gruppo in Danimarca

Bonfire, l’app per le videochiamate di gruppo di Facebook, è stata appena avvistata dalla redazione di TheNextWeb sull’iTunes App Store danese: questo lascia ipotizzare che il gigante dei social media stia gradualmente rilasciando l’applicazione per i dispositivi iOS.

L’applicativo Bonfire è comparso per la prima volta nel luglio di quest’anno. Essenzialmente, prende in prestito diverse funzioni dall’app Houseparty, che permette di tenere una videochat con più partecipanti.

Il responsabile dei social media di The NextWeb, Matt Navarra, è stato in grado di provare la nuova applicazione: da ciò che ha potuto constatare, Bonfire permette agli utenti di adornarsi con diversi effetti – in pieno stile Snapchat – e naturalmente è possibile condividere le immagini dalle chat attraverso Instagram, Facebook e Messenger. È inoltre possibile invitare altri contatti per avviare una chat di gruppo: gli utenti invitati riceveranno una notifica, sia all’interno di Messenger che nei loro profili Facebook, ma ovviamente c’è bisogno dell’applicazione installata per partecipare.

Secondo Adam Blacker, analista di Apptopia, Bonfire è attualmente disponibile solo in Danimarca, ed è stato scaricato circa 2.000 volte.

La redazione di TheNextWeb ha chiesto ulteriori dettagli al colosso Facebook, che ha dichiarato quanto segue: “continuiamo a costruire e testare nuovi prodotti e servizi. Abbiamo già molte grandi esperienze per le videochiamate di gruppo o in singolo in tutta la famiglia di applicazioni, tra cui Messenger. Siamo interessati a come gli utenti possano utilizzare le nostre tecnologie e lavoriamo per migliorare l’esperienza d’uso. Stiamo eseguendo un piccolo test in Danimarca di un’applicazione che chiamiamo Bonfire. Non abbiamo più niente da condividere in questo momento”.

FONTETheNextWeb.com
CONDIVIDI
Articolo precedenteApple Watch 3 sarà compatibile soltanto con gli iPhone più recenti
Prossimo articoloBlueBorne, il malware che si diffonde tramite Bluetooth potrebbe infettare miliardi di dispositivi