Facebook penalizzerà i post che richiedono donazioni, commenti e condivisioni

Facebook penalizzerà i post che richiedono donazioni, commenti e condivisioni

A partire da questa settimana, Facebook inizierà a diffondere un sistema antispam per contrastare tutti quei post di “aggancio” che spingono gli utenti a intraprendere azioni come la condivisione, il tag, i “mi piace” o i commenti. Ad esempio, i messaggi che chiedono agli utenti di “Taggare un amico che ama fare i sonnellini” sembrano popolari perché giocano con gli algoritmi di Facebook, il che fa sì che il sistema dia la priorità a quei messaggi in un maggior numero di News Feed. L’azienda sottolinea che i post che chiedono aiuto, consigli o raccomandazioni come la raccolta di fondi per beneficenza o la richiesta di consigli per i viaggi non saranno influenzati dall’aggiornamento.

Facebook ha recensito e categorizzato centinaia di migliaia di post e ha fornito un modello di machine learning per rilevare i diversi tipi di clickbait.

Nel dettaglio, il colosso di Menlo Park ha affermato quanto segue:

“Proseguendo su questa strada, continueremo a trovare modi per migliorare e scalare i nostri sforzi per ridurre qualsiasi forma di clickbait. Vogliamo ridurre la diffusione di contenuti spamming, sensazionali o fuorvianti per promuovere conversazioni più significative e autentiche su Facebook “.

Facebook aggiorna regolarmente il suo algoritmo di News Feed per ridurre al minimo l’attività di clickbait e penalizzare i video spam, post spazzatura e falsi “mi piace”.