Facebook sembra essere noncurante delle reazioni che i suoi utenti possono avere riguardo i cambiamenti drastici della piattaforma. Lo abbiamo notato molti anni fa attraverso la versione Web, che ha sempre cambiato forma confondendo gli utenti meno pratici o i nuovi arrivati, e ultimamente sta facendo qualcosa di simile con le sue applicazioni Mobile.

Facebook è una delle App più scaricate dagli Store digitali di tutte le piattaforme, e mentre un tempo conteneva il necessario per gestire tutte le proprie attività sul Social Network, negli ultimi anni ha cominciato a dividersi in App dedicate alle diverse funzioni.
Ha obbligato tutti gli utenti ad installare Messenger, l’applicazione dedicata alla posta privata prima contenuta in Facebook, e l’installazione di questa seconda App è obbligatoria se si vuole chattare in tempo reale con gli amici, con un evidente peso sui consumi della batteria.

Sembrerebbe che adesso è il momento del secondo passo, con Facebook Moments, obbligatorio se si vogliono sincronizzare le fotografie caricate su Facebook con il proprio Smartphone.
La funzione di backup sarà disponibile solo tramite Facebook Moments, altrimenti non sarà nemmeno possibile visualizzare le foto conservate in precedenza.

Facebook è il peggior rivale di se stesso, escludendo prodotti come Instagram e Whatsapp la stessa Facebook ha sugli Store più di una decina di App che scompongono quella che era l’applicazione originale, che effettivamente diventa più snella e mono-funzionale.

La cosa certa è che il Social Network ha il potere di “costringere” i suoi utenti che seguono ogni sua mossa, ma c’è da considerare che anche la più piccola percentuale di utenza corrisponde a migliaia e migliaia di gente, e conviene non farla arrabbiare con tutte queste costrizioni.

CONDIVIDI
Articolo precedenteOnePlus potrebbe lanciare il nuovo OnePlus 2 Mini
Prossimo articoloTwitter, nuovo furto dei dati degli utenti ma con un accusa pesante: “Il mandante è uno Stato”