Facebook

Facebook si è lanciata da ormai diverso tempo nel mondo delle comunicazioni in tempo reale; alcuni esempi efficaci sono costituiti dall’attenzione che il social rivolge alle cosiddette “dirette”, dalla possibilità di effettuare chiamate audio e video al pari di concorrenti del settore, uno tra tutti Skype. Proprio grazie alle chiamate audio e alle videochiamate, l’app di Facebook Messenger sembra aver esteso il proprio bacino di affluenza.

Sono, infatti, circa 300 milioni gli utenti che usano attivamente i servizi di videochiamata e chiamata audio offerti da Facebook Messenger, un chiaro segno di crescita del social. David Marcus, vicepresidente della divisione messaggistica di Facebook, definisce la piattaforma come una delle più grandi nel campo delle comunicazioni in tempo reale attualmente sul mercato.

Facebook Messenger

Tutto ciò, dice Marcus, risulta estremamente convincente per la compagnia, che ha intenzione di investire sempre più nel settore delle comunicazioni in tempo reale. Dopo la notizia del miliardo di utenti attivi mensilmente su Facebook Messenger, è possibile comprendere le reali capacità dell’applicazione, che attualmente alimenta il 10% delle chiamate VoIP di tutto il mondo.

L’intento di Facebook, continua Marcus, è quelo di carpire ciò che sta a cuore agli utenti, di cosa hanno bisogno quando comunicano con la propria rete di contatti; questo è fondamentale per assicurarsi di fornire la giusta esperienza d’uso a coloro che utilizzano Facebook Messenger e per fare in modo che le persone trovino il prodotto sensibilmente utile.

Facebook Messenger, tuttavia, non è la prima applicazione ad aver introdotto le videochiamate e le chiamate audio, ma l’affluenza del social e le intenzioni positive da parte del team di Facebook non possono che aumentare ed essere proficue per il futuro delle comunicazioni in real-time.

CONDIVIDI
Articolo precedenteHuawei Powerbox in omaggio a chi acquista P9 o P9 Plus dal 15 settembre
Prossimo articoloI dinosauri tornano in vita nei musei grazie a Google