facebook

Facebook sta stringendo accordi con alcune delle più importanti testate giornalistiche del mondo per diventare un giornale online.

Aria di cambiamenti e novità per Facebook, che dopo l’introduzione di nuove regole per gli utenti e l’arrivo della funzionalità ‘Accadde Oggi‘, sta contrattando con diverse testate giornalistiche di fama mondiale per integrare un servizio di news e trasformarsi in un giornale online.

Il giornale Facebook

Facebook è stato fino ad oggi uno dei siti maggiormente utilizzati per veicolare traffico verso siti di news, ma ora il social network di Mark Zuckerberg vorrebbe trasformarsi, integrando direttamente le notizie nelle bacheche degli utenti, senza più link verso fonti esterne quali blog o siti web di testate giornalistiche, che in cambio riceverebbero una parte degli introiti ottenuti dalle pubblicità.

Gli accordi

Secondo quanto riportato dal New York Times, Facebook starebbe stringendo accordi commerciali con diversi editori di livello mondiale, tra i quali spiccano i nomi di BuzzFeed, National Geographic e lo stesso New York Times.

L’articolo riporta che i primi test inizieranno tra alcuni mesi. con notizie proposte agli utenti direttamente sulla propria bacheca da Facebook, senza necessità di accedere a siti esterni per visualizzarne l’intero contenuto: le testate giornalistiche invieranno direttamente a Facebook degli articoli completi di dettagli, immagini e pubblicità, che verranno ospitati così direttamente su server interni, velocizzandone il caricamento per gli utenti e consentendo agli editori di monetizzare dalla proprie pubblicità.

Facebook non è la prima

L’idea di Facebook è sicuramente interessante ma non originale, in quanto proprio di recente, il social network Snapchat ha lanciato una caratteristica simile, pubblicando direttamente sui propri server, foto, video ed immagini di diverse testate giornalistiche tra le quali, Daily Mail, Cosmopolitan e CNN.

Inoltre anche Flipboard recentemente ha annunciato un servizio del tutto simile a quello di Facebook, ospitando contenuti direttamente sui propri server, velocizzandone la visualizzazione su tablet e smartphone.