#facebookdown

Facebook, dopo Google e Apple si prepara ad effettuare maggiori controlli negli acquisti, onde evitare che avvengano spese ingenti in modo inconsapevole.

Facebook, si prepara a fare dei maggiori controlli riguardo agli acquisti fatti on-line dai minorenni. Infatti, in seguito a numerose vicende avvenute in America, dove ragazzini, senza il controllo e il consenso dei genitori, hanno acquistato con soldi veri crediti per vari giochi on-line.

I genitori dei ragazzi hanno fatto causa a Facebook per avere il rimborso di acquisti non voluti e non consentiti. Il colosso dei social network, d’altro canto, non è responsabile delle azioni dei suddetti ragazzi, i quali dovrebbero essere controllati dai propri genitori; Infatti l’azione legale è stata giudicata infondata.

Tutto è nato dal consenso che una famiglia ha dato al figlio di spendere 20 Dollari per un gioco ma la cosa è degenerata e il ragazzo ne ha spesi centinaia poichè senza nessun controllo. Anche Apple e Google sono rientrate nel tempo in cause di questo tipo dove veniva speso molto denaro nei rispettivi store senza autorizzazione delle famiglie degli aquirenti, per un totale di rispettivamente 19 e 32.5 milioni di Dollari.

Inoltre la commissione federale degli acquisti Americana, ha affermato che le aziende non dovrebbero consentire acquisti non autorizzati; a nostro giudizio, una azienda non ha colpe ( per una volta ) poichè esistono da tempo password che proteggono gli acquisti e dovrebbe essere la famiglia a controllare cosa e quanto il proprio figlio compra negli store on-line.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteTwitter combatte il Revenge Porn
Prossimo articoloApple Watch disponibile in Cina ma è un clone Android