#friendsday

Pensavate fosse più vecchio vero? Invece Facebook compie solo 12 anni. Non è arrivato ancora alla maggiore età eppure il social più amato al mondo è già entrato così tanto profondamente nelle nostre vite, fino a sconvolgere le abitudini, che quasi quasi ci sembra di averlo “in casa”da sempre. Oggi festeggia con il #friendsday.

Eppure solo 12 sono le candeline che Facebook si appresta a spegnere in questo 2016. Era, infatti, il 4 febbraio 2004 quando il social in blu fu lanciato da Mark Zuckerberg, Eduardo Saverin, Dustin Moskovitz e Chris Hughes. All’epoca, come tutti sapranno, il social era nato come veicolo di comunicazione tra gli studenti dell’università frequentata dai quattro, la prestigiosa Harvard. Poi Facebook fu aperta anche ad altre scuole fino ad arrivare alla diffusione su scala globale che conosciamo oggi.

Zuckerbeg ha sempre detto che l’idea originaria del social era basata sul dare la possibilità agli studenti di rimanere in comunicazione attraverso lo scambio di contenuti, fino ad allora relegato alle mail. Amicizia, amore e condivisione: sono questi, secondo i fondatori, le principali motivazioni che spingono il social network a rimanere sulla cresta dell’onda senza mai annoiare i propri utilizzatori.

Non a caso oggi, il 4 febbraio, è stato lanciato proprio da Zuckerberg, tramite il proprio profilo, l’hashtag #friendsday attraverso un video diventato virale nel giro di poche dedicato ai suoi utenti da Facebook per celebrare il #FriendsDay, ovvero il giorno degli amici attraverso il quale, magari, lanciare un messaggio positivo a tutti gli amici di Facebook.

Ricordiamo che il sito è stato aperto con 1000 dollari di investimento e ora il valore si è moltiplicato in maniera esponenziale fino a diventare la quarta società nella classifica delle imprese più di valore al mondo, superando anche ExxonMobil.

Niente male per un social nato solo 12 anni fa e dalla brillante mente di alcuni studenti non certo facoltosi, almeno all’epoca.