Energizer Power Max P600S svelato con batteria da 4500 mAh

Energizer Power Max P600S svelato con batteria da 4500 mAh

Energizer Power Max P600S è il nuovo smartphone che in questi giorni ha deciso di introdurre il noto marchio nato principalmente come produttore di pile. Il dispositivo, proprio come ci si potrebbe aspettare, è dotato di una potente batteria da 4500 mAh, ma non è la sola caratteristica che sfrutta per attirare su di sè l’attenzione.

Il top di gamma della società è dotato di una display da 6 pollici con form factor 18:9 e alta risoluzione di ben 1080 x 2160 pixel. Sotto al cofano troviamo un processore MediaTe Helio P25 octa-core da 2,5 GHz ed una GPU Mali T880 MP2 che si occupa del comparto grafico del dispositivo.

Il nuovo Energizer Power Max P600S verrà fornito in due colorazioni, ognuna però sarà caratterizzata da una variante in base alla memoria contenuta. Il modello Black viene fornito con 3 GB di RAM e 32 GB di memoria interna, mentre agli utenti più esigenti viene fornito il modello Blu dotato di ben 6 GB di RAM e 64 GB di memoria interna.

In entrambi i casi non manca la possibilità di espandere la memoria interna attraverso lo slot MicroSD compatibile con supporto fino a 256 GB. Posteriormente, invece, troviamo il sensore di impronte digitali accompagnato dal modulo a doppia fotocamera composto da un sensore di 13 megapixel ed un sensore di 5 megapixel. Frontalmente, invece, è presente sul bordo superiore del display una fotocamera da 8 megapixel per i selfie.

La capiente batteria è dotata di tecnologia Power Saving per ottimizzarne la durata ed è anche compatibile con la ricarica rapida a 12 V. Nonostante ciò, lo spessore sarà di “soli” 9,8 mm, una dimensione non eccessiva considerando la grandezza della batteria. Il sistema operativo a bordo sarà Android Nougat, ma non sappiamo se questo verrà aggiornato dal produttore alla versione 8.0 Oreo.

La vendità partirà a metà di questo mese su Amazon e presso altri rivenditori esteri anche se attualmente non è noto il prezzi di vendita. Non ci resta che attendere e capire se riusciremo ad averlo nel nostro paese.