Dimmi come ti chiami e ti dirò chi sei: quiz truffa torna su Facebook

Dimmi come ti chiami e ti dirò chi sei: quiz truffa torna su Facebook

La Polizia Postale lancia un allarme truffa per tutti gli utenti di Facebook: sulla nota piattaforma social stanno circolando dei post e dei messaggi che a prima vista possono sembrare dei semplici quiz,  ma in realtà contengono link che conducono con l’inganno all’iscrizione di servizi in abbonamento non richiesti in grado di prosciugare il credito sulla propria SIM.

Il messaggio che sta circolando maggiormente in queste ore per attirare un maggior numero di utenti è intitolato “Dimmi come ti chiami e ti dirò chi sei: se si apre il quiz – specialmente tramite smartphone – si rischia di ritrovarsi con il conto telefonico azzerato, poiché si attiva inconsapevolmente un servizio in abbonamento che preleva i soldi del canone indesiderato direttamente dal credito residuo della propria SIM.

Nel caso siate caduti nel tranello vi consigliamo di contattare quanto prima l’Assistenza Clienti del gestore di appartenenza e richiedere la disattivazione immediata del servizio a pagamento, oltre al rimborso del credito sottratto impropriamente. A tal proposito suggeriamo una guida utile per disattivare i servizi in abbonamento indesiderati, disponibile al seguente link.

Di seguito il post condiviso dalla pagina Facebook ufficiale di Marco Valerio Cervellini, il Sostituto Commissario della Polizia di Stato in servizio presso il Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni del Dipartimento della Pubblica Sicurezza :

#OCCHIOALVIRUS:Uno strano quiz sta arrivando in posta agli utenti di Facebook. Il quiz in questione si chiama “Dimmi…

Posted by Marcovalerio Cervellini on Mittwoch, 13. Dezember 2017