Deep Web

Una nuova, clamorosa, rivelazione per quel che riguarda la violazione della sicurezza online; questa volta è il Deep Web ad essere coinvolto, con un furto di dimensioni clamorose: oltre 450 milioni di password rubate in tutto il mondo, Italia compresa.

Innanzitutto, cos’è il Deep Web? È il cosiddetto web sommerso, ovvero tutte quelle risorse e quei contenuti che non compaiono con una normale ricerca tramite i motori di ricerca; quindi tutto materiale non indicizzato. Tra questi, a seguito, di un’indagine che è ancora in corso con una serie di hacker che, sotto copertura, sta analizzando quanto accaduto per risalire ai responsabili. Per ora si conosce solo il nome di questo archivio: Anti Public e sappiamo che ad essere stati violati sono stati gli indirizzi email, con la pubblicazione delle relative password, di indirizzi email italiani delle forze armate, Polizia, Vigili del Fuoco, forze dell’ordine, università, ospedali e ministeri. A livello internazionale l’attacco ha coinvolto anche il Consiglio e il Parlamento Europeo, la Casa Bianca e altri enti di governo.

Tutta questa mole di dati hackerati sono presenti nel Deep Web in dieci diversi file di testo (.txt) nei quali sono elencati gli indirizzi email con le relative password di accesso.

La notizia ha ovviamente destato clamore e timore, ma c’è chi prova a mantenere la calma invitando alla prudenza. Da una parte, infatti, si invita a cambiare e aggiornare costantemente le proprie password; dall’altra non si esclude che si possa trattare di una notizia falsa (o quantomeno ingigantita nei numeri), per deviare l’attenzione da altre operazioni illecite. Per le conferme bisognerà attendere il termine delle indagini.

CONDIVIDI
Articolo precedentePolemiche sulle promozioni Tim: chiarimenti sull’offerta passa a Tim da Wind con IperGiga 50
Prossimo articoloDa giugno 2017 nuove rimodulazioni Wind