datagate

Wipikedia denuncia NSA e Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, scatenando un vero e proprio Datagate.

Wikimedia, organizzazione che si occupa della gestione di Wikipedia, ha deciso di dire basta alle intercettazioni di massa effettuate da parte di enti governativi, dando il via allo scandalo Datagate. Per farla finita con questa storia ha rilasciato una denuncia verso NSA e il Dipartimento di Giustizia Degli Stati Uniti, a causa di una violazione della privacy dei suoi utenti.

La motivazione è chiara: è stato violato il primo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, dove la libertà di espressione ed associazione è stata fin troppo penalizzata. Per quale motivo il Governo Americano continua a monitorare quello che viene scritto su Wikipedia? Stiamo parlando di un enciclopedia libera e fruibile a tutti, dove vengono trattate diverse argomentazioni fondamentali per la società odierna.

In sostanza l’intervento governativo servirebbe per nascondere la divulgazione di determinate informazioni, ma per quale motivo se non c’è nulla da nascondere? Perché minare le conversazioni sul web e non rendere possibile la conoscenza di determinati fatti? La privacy è il primo punto di partenza per la libertà di espressione.

Insieme alla denuncia di Wikimedia, si uniscono anche altre organizzazioni come Amnesty International Usa, American Civil Liberties Union e molte altre. Lo scandalo Datagate è appena iniziato e passerà molto tempo prima che il caso si risolva.

CONDIVIDI
Articolo precedenteApple Watch, tutti i modelli con 8GB di memoria interna. Ecco come funziona
Prossimo articoloFunzionalità multi-windows in arrivo a breve su Android?