festa del papà

Oggi aprendo la home page di Google siamo stati accolti da uno speciale doodle, realizzato appositamente per la Festa del Papà.

Google ha deciso di augurare una buona Festa del Papà a tutti, rilasciando un nuovo doodle animato sulla pagina principale del proprio motore di ricerca. Il doodle mostra inizialmente un pinguino che accudisce il proprio uovo, una volte con il suo piccolo, una scimmietta con tre cuccioli per concludersi con un uomo che abbraccia dolcemente la propria bimba.

La Festa del Papà

La festa del papà, nasce nei primi decenni del XX secolo per festeggiare la paternità e i padri in generale. La festa è celebrata in varie date in tutto il mondo, spesso è accompagnata dalla consegna di un regalo al proprio padre.

Storicamente la prima Festa del Papà di cui si ha documentazione sembrerebbe essere quella del 5 luglio 1908 a Fairmont in West Virginia, presso la chiesa metodista locale, dove una certa signora Smart Dodd ufficializzò la festa.

19 Marzo, la Festa del Papà in Italia

Come in molti Paesi di tradizione cattolica, la festa del papà viene festeggiata il 19 Marzo, giorno di San Giuseppe, padre putativo di Gesù, sposo della Beata Vergine Maria, simbolo di umiltà e dedizione.

Fino al 1977 il giorno in cui la Chiesa celebra San Giuseppe era considerato in Italia festivo anche agli effetti civili, ma ciò venne eliminato successivamente.

San Giuseppe, in quanto archetipo del padre e del marito devoto, nella tradizione popolare protegge anche gli orfani, le giovani nubili e i più sfortunati. In accordo con ciò, in alcune zone della Sicilia, il 19 marzo è tradizione invitare i poveri a pranzo. In altre aree la festa coincide con la festa di fine inverno: come riti propiziatori, si brucia l’incolto sui campi da lavorare e sulle piazze si accendono falò da superare con un balzo.

Il dolce tipico della festa ha varianti regionali ma per lo più a base di creme e/o marmellate, con impasto simile a quelle dei bignè o dei krapfen. Esemplare è il dolce napoletano, che prende il nome di zeppola di San Giuseppe, realizzate con pasta simile ai bignè, di forma schiacciata, e possono essere fritte o al forno; al di sopra viene posta di norma crema pasticcera e marmellata di amarene.

Nell’Italia del nord, invece, dolce tipico della festività è la raviola, un  involucro di pasta frolla o pasta di ciambella richiuso sopra una cucchiaiata di marmellata, crema o altro ripieno, poi cotta al forno o fritta). Dolci a base di riso, noti come zeppole di riso o crispelle di riso, sono comune anche in Sicilia.

A questo punto lasciandovi con il video del doodle realizzato da Google per l’occasione, non rimane che fare i nostri migliori auguri a tutti i papà del mondo.