La nuova versione del browser, che secondo le statistiche si batte testa a testa con Internet Explorer, è più sicura e permette di sincronizzare la navigazione delle pagine.

Come ben sapete il 18 Maggio Google ha rilasciato Chrome 19, correggendo 20 vulnerabilità presenti nel browser. La novità principale di Chrome 19 è il supporto alla sincronizzazione dei tab (schede di navigazione). Questo significa che è possibile navigare tra le pagine aperte con Chrome spostandosi da un dispositivo all’altro: con la semplice connessione allo stesso account Google, si può navigare su un PC desktop, e riprendere la navigazione della stessa pagina su un tablet o uno smartphone, mantenendo la sincronizzazione di bookmark, password, app, temi già disponibile con la precedente versione. La funzionalità non sarà immediatamente disponibile per tutti gli utenti, come ha spiegato Raz Mathias, Software Engineer di Chrome. “La sincronizzazione dei tab sarà estesa gradualmente durante le prossime settimane”, ha scritto Mathias sul blog ufficiale di Chrome. Chrome 19 può essere scaricato, e aggiornato automaticamente, per Windows, Mac OS X e Linux dal sito di Google.

L’ultimo aggiornamento di Chrome risale a sette settimane fa. Google rilascia una nuova versione “stabile” ogni circa sei/otto settimane, ed è stato leggermente in ritardo rispetto al rivale Mozilla, che rispetta la scadenza di un aggiornamento ogni sei settimane. Mozilla aveva reso disponibile la sincronizzazione dei tab già con Firefox 4, rilasciato più di un anno fa.

Quest’anno, Google ha investito più di 230mila dollari per il miglioramento del browser, affidandosi a ricercatori esterni per individuare le vulnerabilità di Chrome. Nove vulnerabilità tra le quali alcune non strettamente dipendenti da Chrome, come per esempio il bug in un driver Linux Nvidia, sono state risolte dal gruppo esterno, mentre le altre undici sono state risolte dal gruppo di Google.

CONDIVIDI