Consumi LG G3

Chiunque disponga di un dispositivo mobile, sia esso smartphone che tablet, Android, Apple o Windows, sa bene che uno dei problemi più rilevanti riguarda l’autonomia della batteria, che nel caso di molti smartphone difficilmente arriva a coprire l’intera giornata ed LG, proprio seguendo la filosofia“Learning from You” (impariamo da te), ha raccolto le indicazioni degli utenti, cercando di ridurre i consumi del nuovo LG G3, equipaggiato da un display Quad HD dagli ovvi consumi energetici superiori rispetto ai classici display Full HD, che grazie alla tecnologia 3A consumerà come un normale display 1080p.

Consumi LG G3

La tecnologia 3A è stata sviluppata da LG ed esordisce proprio con il top di gamma 2014 LG G3, e consiste nell’adozione di diverse soluzioni atte proprio al risparmio energetico. Nel dettaglio la “A” indica la parola Adaptive, mentre il “3” indica i tre pilastri dietro al sistema: Adaptive frame rate, Adaptive clocking, e Adaptive timing control.

 La funzionalità Adaptive frame rate rallenta il refresh del display del G3 quando vengono visualizzate immagini fisse, in modo simile alla tecnologia IGZO di Sharp, limitando così l’assorbimento di energia da parte della batteria.

Le funzionalità Adaptive clocking  e Adaptive timing control invece agiscono a livello di processore, rallentandone la velocità in modo dinamico durante l’utilizzo di applicazioni meno “pesanti”, consentendo così un notevole risparmio in termini energetici.

I primi test parlando già di risultati da record, con l’LG G3 in grado di riprodurre un video Full HD, con le impostazione di luminosità del display impostate al massimo, per oltre sei ore e mezza prima dello spegnimento del dispositivo.

Ottimo lavoro quindi per LG anche per quanto riguarda della gestione dei consumi, dove il nuovo G3 potrebbe diventare il nuovo punto di riferimento, il tutto in attesa dei nostri test sul campo nei quali stresseremo il dispositivo cercando di capirne i consumi durante l’utilizzo  “nella vita reale”.