Siete appassionati di foto e ne scattate tantissime? Allora è arrivata l’applicazione giusta per voi. Si tratta di Whoosnap, un’app che permette di guadagnare dalle foto scattate con il proprio smartphone.

Come funziona Whoosnap?

Gli utenti che sono alla ricerca di una determinata foto stabiliscono una ricompensa che sono disposti a pagare per avere lo scatto e il resto verrà fatto dall’applicazione.

Per prima cosa occorre registrarsi sul sito ufficiale completando l’operazione di verifica (non obbligatoria) attraverso l’indirizzo di posta che vi darà diritto a ricevere un bonus di benvenuto di 50 centesimi. Aprendo l’applicazione ci troveremo di fronte a due schede principali:

  • In Evidenza: con tutte le offerte di maggior importanza valide per la propria nazione
  • Introno a me: dove trovare le richieste, classificate in base alla vicinanza geografica

Lo scopo è quello di scattare una fotografia commissionata da un utente per poi ricevere il pagamento. Ogni richiesta riceverà foto da differenti fotografi (definiti Whoosnappers), una vera e propria concorrenza come avviene nel modo del lavoro. Sarà cura di chi ha commissionato la foto scegliere quella migliore. Chiunque può partecipare diventando sia inserzionista sia fotografo d’assalto, avendo così l’opportunità di guadagnare con le proprie immagini o di avere immagini originali di luoghi particolari. L’unico neo di Whoosnap è il metodo di pagamento che avviene tramite bonifico bancario, ma si sta già pensando di inserirne di ulteriori quali ad esempio PayPal.

Nonostante l’evidente utilità di questa applicazione tutta italiana, molte sono state le voci contrarie alla sua diffusione. Alcuni hanno infatti soprannominato l’app come “l’Uber della fotografia”, definendola dannosa per i fotografi professionisti proprio come viene ritenuta Uber per i tassisti. Ma sembra che, almeno per il momento, l’applicazione non sia stata bloccata.

Badge-Google-Play

Badge-Apple-Store

CONDIVIDI
Articolo precedenteApple e App Store: in sette paesi i prezzi lieviteranno
Prossimo articoloUber si prende anche i cieli: arrivano gli elicotteri a noleggio