Coccinelle nella bocca di un cane, la verità sulla foto virale su Facebook

Coccinelle nella bocca di un cane, la verità sulla foto virale su Facebook

In questi giorni il social Facebook è invaso da uno strano post che mostra la bocca di un cane invasa da coccinelle, accompagnato dal seguente messaggio:

“URGENTISSIMO!!!
Tantissimi casi negli ultimi giorni.
Controllate il palato dei vostri cani! Questi coleotteri asiatici che sembrano delle coccinelle, una volta in bocca si attaccano al palato provocando molto dolore non è bello, condividete per fare in modo che altri siano al corrente di queste orribili cose!”.

Cosa c’è di vero in questo post? Cominciamo subito confermando l’autenticità della foto, ma tranquilli: come specificato nella didascalia, si tratta di coleotteri asiatici , degli insetti molto fastidiosi che rilasciano delle tossine se entrano in contatto con un cane, magari mentre morde un ramo o dell’erba. Ad ogni modo, il caso ritratto in foto è molto, molto raro.

Per essere ancora più precisi, alleghiamo in calce all’articolo la spiegazione condivisa ben due anni fa dalla pagina Facebook ufficiale dell’American Veterinary Medical Association (AVMA), nel quale viene specificato quanto segue: “ci sono coccinelle asiatiche invasive che possono causare problemi, ma le nostre coccinelle “regolari” NON lo fanno. Quindi non c’è bisogno di entrare nel panico e di aprire la bocca del vostro cane per cercare fantomatici coleotteri. E lo ripeteremo ancora…. se avete domande o dubbi sulla salute del vostro animale domestico, il veterinario di fiducia è la migliore fonte di informazioni!”.

Secondo un articolo di TheDodo di qualche anno fa, c’è stato solo un caso documentato che risale al 2008 ed è stato pubblicato sulla rivista Toxicon:“Un cane di sei anni di razza mista ha presentato un grave trauma per la mucosa orale per via di un’ustione chimica. Sedici armonia axyridis (Coccinellidae) sono state rimosse dalla cavità orale, che ha rivelato traumi coerenti con ustioni chimiche. I coleotteri si erano inglobati nella mucosa che ricopriva il palato duro e richiedevano la rimozione manuale”.

In questi anni, altre testate giornalistiche specificarono che i coleotteri erano presenti all’interno della bocca del cane già da tempo e che tuttavia il povero amico a quattro zampe aveva un problema assai maggiore a cui pensare e completamente estraneo al fastidioso incidente: il cancro al cavo orale.

Di seguito il post originale dell’AVMA:

This is going around on Facebook and causing a bit of panic, so here's the real scoop: there are invasive Asian ladybugs…

Posted by American Veterinary Medical Association (AVMA) on Freitag, 20. November 2015

 
Hai trovato questa notizia interessante e vuoi ricevere tutte le news di giornata per posta elettronica? Iscriviti alla newsletter di KeyforWeb.it inserendo qui sotto la tua email: