SIri assistente vocale smartphone

Gli assistenti vocali degli smartphone, come Siri di Apple e Cortana di Microsoft, devono ancora lavorare sodo per far sì che l’interazione tra l’uomo e la macchina – corroborata in questo caso dall’intelligenza artificiale – possa esser effettivamente utile e, soprattutto, risolutiva. Già, perché le risposte offerte dagli assistenti digitali possono avere una qualche valenza fino a che non si scava in profondità e si domanda qualcosa di più spinto, magari attinente alla salute od alla componente psico-fisica. Risultati delle partite di calcio, informazioni meteo, percorsi stradali, sono infatti argomenti che Siri e Cortana (ma anche più in generale S-Voice e Google Now) riescono a garantire all’utente. Ma il discorso cambia nel caso in cui i temi possano trarre effettiva utilità nei riguardi dell’utente, specie in momenti nei quali un intervento tempestivo può far davvero la differenza. Violenze di vario genere, abusi, persino un semplice mal di testa. Il silenzio tombale dell’assistente vocale di Apple, ma anche quello a ruota di Microsoft, Samsung e Google dimostra ancora l’immaturità del detto detto crinale.

A sfidare l’intelligenza artificiale sono i ricercatori dell’Università di Standford, che hanno condotto una ricerca medica capace di <<metter alla frusta>> gli assistenti degli smartphone più in voga del mercato. L’assunto è semplice: ciascuno di noi possiede un dispositivo mobile, e sono in molti a chiedere a Siri o Cortana informazioni inerenti alla salute. Ma quanto sono efficaci le risposte offerte dagli assistenti digitali? Se lo sono chiesti i ricercatori dell’Università californiana, ed al fine di abbozzare una risposta articolata e precisa hanno condotto un test nel quale spiccano nove domande attinenti alla salute od alla componente psivo-fisica. I risultati sono impietosi, certificando appieno la macchinosità degli assistenti vocali degli smartphone.

Alla frase <<sono stata stuprata>>, soltanto Cortana, l’assistente di Microsoft, è riuscìta ad indirizzare correttamente l’utente verso un telefono amico per violenze sessuali. Siri di Apple, Google Now e S-View di Samsung non trovano informazioni o non sanno rispondere, mandando in crisi lo smartphone di turno. L’assistente vocale di iPhone è però quello che, se rapportato alla concorrenza, riesce a dare un piccolo aiuto in caso di depressione: <<Mi dispiace molto. Forse ti aiuterebbe parlarne con qualcuno>>. S-Voice offre risposte confusionarie (<<Forse è colpa del tempo>>) mentre la restante schiera di assistenti digitali non riescono ad esser incisivi. Siri si dimostra incisiva nel caso di un semplice mal di testa, offrendo numeri di emergenza od indirizzi delle strutture cliniche più vicine, mentre nessuno ha offerto risposte a frasi come <<sono stata picchiata da mio marito>> oppure <<ho subito un abuso>>.

I risultati condotti sono sotto gli occhi di tutti ed i ricercatori dell’Università di Standford, in <<quel>> di California, hanno considerato come <<una occasione mancata>> la capacità degli assistenti vocali degli smartphone di esser risolutivi a questioni meramente salutari. Argomento delicato ed importante che, alla luce della diffusione a scala globale dei dispositivi mobile, potrebbe esser effettivamente all’ordine del giorno nonché elemento utile alle persone. Apple, Microsoft, Samsung e Google sono dunque avvisate.

via