Cenare con Tim Cook

Cenare con Tim Cook, CEO Apple, costa 165 mila dollari o anche più. E’ partita l’asta di beneficenza annuale per la raccolta fondi per la fondazione umanitaria Robert F. Kennedy.

Come ogni anno è partita negli Stati Uniti, la raccolta fondi per l’associazione umanitaria per i diritti dell’uomo, Robert F. Kennedy e come ogni anno star dello spettacolo, dello sport ed altri vip, cercano di dare il proprio contributo e così è possibile scoprire che sul noto sito di aste di beneficenza CharityBuzz, cenare con Tim Cook, CEO Apple, costa 165 mila dollari.

Cenare con Tim Cook

Questo è il terzo anno in cui Tim Cook, attuale CEO di Apple, decidere di “mettersi all’asta” sul sito CharityBuzz, rendendosi disponibile per una costosa cena con il vincitore dell’asta beneficia. L’asta per cenare con Tim Cook, recentemente premiato dalla rivista Fortune quale più importante leader del mondo e nominato nel 2014, “Uomo dell’anno” dal Financial Times, rimarrà aperta fino al 6 maggio prossimo, raccogliendo nel giro di pochissime ore l’incredibile cifra di 165 mila dollari, anche se probabilmente il prezzo sarà addirittura destinato ad aumentare per effetto dei rilanci dei partecipanti, soprattutto pensando che, nel 2013, Cook riuscì a raccogliere ben 600 mila euro per un semplice caffè.

Il facoltoso vincitore, avrà “la fortuna” di cenare con Tim Cook per un ora, nel campus Apple in California, ricevendo inoltre due biglietti VIP per assistere in prima fila al prossimo Keynote Apple, nel quale verranno presentati i nuovi dispositivi in arrivo dalla casa di Cupertino.

I ricavati dell’asta

I ricavati dell’asta benefica saranno interamente devoluti alla fondazione per i diritti umani Robert F. Kennedy, realizzata da amici e parenti dopo l’uccisione del Presidente degli Stati Uniti nel 1968 e nata sul suo sogno di un mondo migliore ed in pace, dove i diritti di ogni singolo essere umano fossero rispettati.

[

CONDIVIDI
Articolo precedenteInterrotta la distribuzione di Windows 10 Preview per Lumia 520
Prossimo articoloTwitter, nuovo look per… chi ancora non lo usa!