Call of Duty: WWII ufficialmente presentato il 26 aprile

0
Call of Duty: WWII

Call of Duty: WWII invererà appieno tutte le strategie prossime di Activision. Che dopo una mole praticamente infinita di indiscrezioni e rumors si è decisa ad ufficializzare il tanto atteso appellativo commerciale che contraddistinguerà giocoforza il nuovo titolo della celebre saga FPS. Nessun richiamo futuristico o scenari del tutto affini ad un andazzo ormai reiterato in questi ultimi anni, bensì un vero e proprio tuffo nel passato che vedrà la Seconda Guerra Mondiale il fulcro nevralgico della narrazione e degli accadimenti.

Call of Duty: WWII rappresenta d’altronde l’acronimo di World War II, indicazione inequivocabile che ci permette di sgomberare subito il campo dagli equivoci ed immaginare quello che costituirà verosimilmente il nuovo capitolo dell’apprezzata saga di Activision. Il titolo sarà al centro della scena durante il corso della giornata del 26 aprile prossimo (ore 19:00 italiane), allorquando i responsabili del team di sviluppo snoccioleranno i preliminari dettagli sul Call of Duty che verrà.

L’evento, peraltro visibile in streaming presso i canali ufficiali di Activision, sarà importante in quanto suggellerà l’ufficialità di Call of Duty: WWII. In questa sede si scopriranno dunque alcune informazioni sul gioco, finora praticamente nulle fatta eccezione per l’ambientazione nella Seconda Guerra Mondiale. I responsabili di Sledgehammer Games, quasi a rincarare la dose ed accrescere l’interesse e l’entusiasmo, affermavano qualche settimana fa che i giocatori <<sarebbero andati fuori di testa>> non appena vedranno tutto ciò che caratterizzerà il nuovo episodio della serie Call of Duty.

Insomma, le aspettative restano altissime, e l’appuntamento è ora programmato per le ore 19:00 italiane del 26 aprile prossimo, decisivo per delineare il nuovo e già attesissimo Call of Duty: WWII.

VIACall of Duty
CONDIVIDI
Articolo precedenteNokia 3310, in Europa vendite dalla prossima settimana ma a un prezzo più alto
Prossimo articoloCuffie Bose sotto accusa: spiano i dati degli utenti