Ormai gli smartwatch stanno prendendo sempre più piede nel mondo dell’ Hi-tech, e ogni giorno escono nuovi modelli con nuove funzionalità. Ma gli Smartwatch fanno davvero tutto? A volte sono più appendici dei nostri  cellulari che dispositivi indipendenti e autonomi. Allora come facciamo a trovare un orologio intelligente che sappia fare tutto da solo? Qualcuno ha la soluzione, e ha portato il progetto anche molto più in avanti: BLOCKS, il primo smartwatch completamente modulare!

Blocks proviene da una produzione che cerca di vedere se un’ idea può riuscire o meno, e in questo momento l’idea sembra andare alla grande. Ma cosa sono e come funzionano esattamente questi Smartwatch modulari? Se il termine non è abbastanza chiaro per tutti, uno smartwatch modulare è quel device che permette di applicare dei pezzi (che costituiscono il cinturino finale) che svolgono determinate funzioni, e tutti i moduli funzionano in modo sincronizzato, non importa quale è messo prima o dopo: tutti comunicano come un pezzo solo. Una specie di puzzle tecnologico, dove inserire moduli diversi a seconda dell’utilizzo a cui siamo interessati in un determinato momento, a differenza di un dispositivo con funzioni limitate e soprattutto inutili al nostro utilizzo.

633a0c3953e23519c89be79aaeb73f1d_original

Quindi qual’è la reale differenza che ha Blocks, confronto agli altri smartwatch? Quello che cercano di fare gli ingegneri di Blocks, è creare un orologio intelligente che mantenga la sua base (innanzitutto fare l’orologio!) ma allo stesso tempo avere la soluzione in più per ogni cosa. Siccome ogni pezzo è stato creato appositamente ad uno scopo, ci si aspetta che funzioni molto meglio di quelli che hanno tutto integrato in uno. Inoltre, la componentistica è open source, così che altri possono creare moduli interessanti o personalizzati ad personam. Le possibilità, come dicono gli autori del congegno, sono infinite per il Blocks. Non bisogna comunque sottovalutare le caratteristiche del componente madre, lo smartwatch, che ha in dotazione un hardware di tutto rigurado:  Wifi, controllo vocale, ed altri accessori di cui non necessittano ulteriori moduli supplementari da integrare.

I moduli sono molteplici: Gps,NFC, GSM, lettore di impronte, Termometro, Altitudine, Pressione, Batteria supplementare, torcia, il tutto completamente gestibile dal dispositivo centrale. In futuro c’è il progetto di integrare altri moduli, e nel sito di Kickstarter, si parla di prossime uscite di moduli, che andrebbero ad integrare dispositivi di rilevamento della qualità dell’aria, di fotocamera per selfie e scan di codici a barre, sensore per calcolo dello stress lavorativo, termometro per la temperatura corporea, insomma uno smartwatch tuttofare, che potrebbe portare il dispositivo, nella categoria indispensabili. Ecco il video ufficiale, che ci mostra le innumerevoli potenzialità di questo splendido dispositivo.

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteMeizu Blue Charm Metal presentato ufficialmente
Prossimo articoloToshiba: i notebook da mettere sotto l’albero di Natale