BlackBerry KEYone 2018 sempre più vicino: conferme per Snapdragon 660

BlackBerry KEYone 2018 sempre più vicino: conferme per Snapdragon 660

Saranno almeno tre i nuovi smartphone BlackBerry attesi durante il corso dell’anno e, benché non ancora ufficializzati, sono già chiari e inequivocabili i rispettivi nome in codice: Athena, Luna e Uni. Qualcuno di questi è apparso di recente su GeekBench e il sentore è che possa esser presto conosciuto come BlackBerry KEYone 2018.

Non si tratta comunque di mere speculazioni, quanto piuttosto di conferme a quanto dichiarato in testa dalla stessa BlackBerry. Che proprio ad inizio hanno ha sottolineato espressamente l’intenzione di immettere sul mercato due nuovi KEYone caratterizzati da migliori specifiche tecniche e una buona dose di potenza.

BlackBerry KEYone 2018 dovrebbe esser dunque “Athena“, forse atteso già a partire dal Mobile World Congress 2018 di Barcellona, location che, soltanto un anno addietro, fece da contraltare al lancio del modello attualmente in commercio.

Non ci aspettiamo grosse novità particolari, anche perché lo smartphone andrà soltanto ad aggiornare quanto di buono fatto con il modello di generazione precedente: stesso design, analoga ampiezza e, soprattutto, medesima tastiera fisica QWERTY messa in bella mostra sotto lo schermo.

Quali saranno in concreto le migliorie di BlackBerry KEYone 2018? Poche ma significative, precisano i bene informati. Ci sarà, in primo luogo, un aggiornamento della scheda tecnica, in ossequio alla presenza del processore Snapdragon 660 – apprezzato sin da subito sul Mi Note 3, dal momento che parco nei consumi ma al tempo stesso sufficientemente potente – accoppiato per l’occasione da 6 gigabyte di memoria RAM. Rivista inoltre la stessa tastiera fisica QWERTY, in ossequio a tasti più grandi e, conseguentemente, ancora più comodi.

Il secondo BlackBerry KEYone 2018 – ribattezzato sotto il nome in codice di “Luna” – dovrebbe invece differenziarsi per quantitativo di memoria RAM e, forse, processore impiegato. Da vedere il suo collocamento sul mercato e, quindi, se più economico od addirittura superiore allo stesso Athena. Ad ogni modo, la certezza sarà il software, dal momento che ogni smartphone atteso al debutto avrà al suo interno Android 8.0 Oreo. Resta adesso da vedere la data dell’ufficialità, sperando in buone notizie già al Mobile World Congress 2018 di Barcellona.

 
Hai trovato questa notizia interessante e vuoi ricevere tutte le news di giornata per posta elettronica? Iscriviti alla newsletter di KeyforWeb.it inserendo qui sotto la tua email: