Attenzione genitori: i bambini tra i 6 ed i 24 mesi non dovrebbero stare a contatto con i display di smartphone o tablet poiché l’uso quotidiano di tali dispositivi per i bimbi di quella fascia di età potrebbe causare loro un ritardo nella comunicazione o nell’uso delle parole.

È quanto emerso da uno studio condotto in Canada presentato al “Pediatric Academic Societies Meeting” sotto la guida di Catherine Birken dell’Università di Toronto, la prima ricerca che ha pensato di analizzare l’effetto del costante utilizzo dei dispositivi mobili sullo sviluppo verbale dei bimbi che giocano anche solo per pochi minuti al giorno con device come smartphone e tablet.

Ben 900 bimbi di 18 mesi sono stati esaminati nella loro capacità di comunicazione con suoni e uso di parole o frasi: più del 20% di loro trascorre almeno 28 minuti al giorno di fronte ad un display di un dispositivo mobile ed ogni incremento di 30 minuti del tempo trascorso di fronte ad uno di questi dispositivi comporta un aumento del 49% dei rischi di ritardi nelle capacità di comunicazione verbale dei più piccoli.

Prendendo atto dei risultati registrati, l’accademia dei pediatri americani consiglia caldamente a tutti i genitori di non lasciare utilizzare apparecchi come tablet o smartphone ai bambini di età inferiore ai 18 mesi.

FONTEFonte
CONDIVIDI
Articolo precedentePrey disponibile da oggi 5 maggio per console e PC: arrivano i nuovi driver GeForce per giocare al massimo
Prossimo articoloGiro d’Italia 2017 al via il giro numero 100 omaggiato dal Doodle speciale di Google