È possibile assemblare un iPhone in casa e spendere gli stessi soldi di Apple per la sua realizzazione, ovvero circa 300 dollari? A questa domanda ha risposto Scotty Allen, un ex ingegnere della Silicon Valley ora freelance in giro per il mondo.

Al momento Allen si trova in Cina, a Shenzhen, ed ha deciso di sfidare sé stesso costruendo un iPhone e documentando tutto il percorso per riuscirci. Ci sono voluti diversi mesi, ma Scotty ha pubblicato il suo esperimento su YouTube, perfettamente riuscito.

L’uomo ha passato diverso tempo nei mercatini cinesi, alla ricerca di tutti i pezzi necessari ad assemblare un iPhone fino a riuscire a realizzarne uno con le sue mani, grazie anche all’aiuto di alcuni negozi specializzati per le parti più difficili, specie per il posizionamento degli strati del display. Il resto è stato tutto più “semplice” per l’ingegnere, il quale ha proseguito ad assemblare scocca e tutti i vari componenti, fino ad ottenere un iPhone 6S completo.

Allen ha deciso di scegliere il modello 6S perché quando ha cominciato l’esperimento, l’attuale iPhone si stava per affacciare sul mercato ed in più possedeva già un 6S, perciò sarebbe stato più semplice confrontare i due smartphone una volta completata la sfida. Così, con 300 dollari, Scotty ha assemblato un intero melafonino, che attualmente si trova sul mercato a circa 549 dollari.

Secondo Allen chiunque potrebbe tentare l’impresa seguendo il suo video: “Non mi sono mai chiesto che fine facesse un telefono una volta buttato, ora credo che molti di essi finiscano qua, distrutti o riassemblati in nuovi dispositivi funzionanti”, commenta nella clip. Di sicuro l’impresa è fattibile, per chi ne capisce abbastanza ed abita in Cina o si trova lì in vacanza, ma forse in Italia – tra spese di spedizione (o eventuale biglietto aereo) – l’esperimento potrebbe costare un tantino di più!

Di seguito il video dell’incredibile impresa di Scotty Allen:

FONTEFonte
CONDIVIDI
Articolo precedenteBixby, assistente digitale intelligente di Galaxy S8 che non riconosce le lingue
Prossimo articoloAndroid 7.0 Nougat per Galaxy S6 e S6 edge, ecco quando arriverà in Italia l’aggiornamento