Nel corso dell’E3 2017 di Los Angeles è stato ufficialmente presentato Assassin’s Creed: Origins, nuovo capitolo della Congrega degli Assassini ambientato nell’Antico Egitto.

Il team di esperti di Digital Foundry, specializzati nell’analisi tecnica dei videogame, è riuscito a dare un’occhiata più approfondita all’ultimo titolo di Ubisoft in azione sulla nuovissima console Xbox One X (maggiori dettagli sulla nuova piattafirma di casa Microsoft nell’articolo disponibile al seguente link).

La prima caratteristiche che salta subito all’occhio allo staff della testata inglese è che il titolo non visualizza il 4K nativo, ma sfrutta una risoluzione dinamica e il rendering diffuso che arriva a 2160p, con risultati ineccepibili: secondo la redazione le differenze sono praticamente impercettibili e si possono notare solo ingrandendo più volte alcune porzioni di immagini e studiando attentamente ogni minimo dettaglio, come ad esempio l’aquila di Bayek e le sue piume.

L’analisi tecnica del team è stata effettuata sul codice alpha del videogame eppure il nuovo capitolo di Assassin’s Creed riesce a girare stabilmente a 30fps. Notevole anche l’aumento della draw distance, l’ottima qualità degli effetti e delle texture e delle migliorie nelle animazioni del personaggio.

Assassin’s Creed Origin sarà disponibile a partire dal 27 ottobre 2017 per PlayStation 4, Xbox One, Xbox One X e PC. Per avere maggiori informazioni sulla trama e prendere visione dei primi video trailer e gameplay rilasciati ufficialmente potete consultare l’articolo raggiungibile al seguente link.

Di seguito la video analisi di Digital Foundry:



Hai trovato questa notizia interessante e vuoi ricevere tutte le news di giornata per posta elettronica? Iscriviti alla newsletter di KeyforWeb.it inserendo qui sotto la tua email:


Hai trovato questa notizia interessante e vuoi ricevere tutte le news di giornata per posta elettronica? Iscriviti alla newsletter di KeyforWeb.it inserendo qui sotto la tua email: