remix os

Jide Technology ha sviluppato Remix OS, una versione di Android per i computer desktop. Seppur in via ufficiosa, Android segue le orme di Windows e Mac OS X, sistemi operativi che stanno diventando sempre più un ibrido tra un software per smartphone e tablet e uno più completo per computer.

Remix OS si distingue e riesce a farsi notare per le sue caratteristiche e per la particolarità di essere basato su Android ed il suo intento di sbloccare le potenzialità che possiede. Questo S.O. nasce da tre ex dipendenti Google, ed è già stato visto all’opera su mini PC (Remix Mini) e tablet 2 in 1 con tastiera Dock (Remix UltraTablet) orientati più alla produttività che al semplice utilizzo da casa dei più classici Tablet e mini PC. Jide Technology, ha intenzione di dare un nuovo sbocco di utilizzo al SO: Remix OS, infatti, sarà presto disponibile per i dispositivi con architettura x86, come i nostri comuni PC, e soprattutto anche per i Mac.
remix

Remix OS sarà rilasciato gratuitamente per tutti il 12 gennaio e si basa su kernel Linux, proprio come Android. Cucito addosso alla famiglia di processori x86, è stato pensato per un utilizzo semplice e intuitivo, ampliato poi dalle possibilità di download di tante altre app, presenti sul Play Store. Un punto a favore dell’OS è la sua estrema leggerezza: può essere installato sia sull’hard disk principale che su una chiavetta USB, in versione live, così da farlo partire solo quando si avverte la necessità e soprattutto dovunque, anche in viaggio da computer non di proprietà. Jide Technology è però andata oltre lo sviluppo software.

REMIX-OS-1.5
La compagnia ha infatti già realizzato Remix Mini, un desktop in versione ridotta, il primo Android PC pienamente funzionante con il nuovo sistema operativo e il Remix Ultra, un ultrabook 2-1 pronto a spaventare la flotta di rivali Windows.

Inoltre, dispone di un interfaccia simil-Desktop, e quindi della possibilità di utilizzare shortcut, di aprire più finestre e di utilizzare il tasto destro di un eventuale mouse collegato al dispositivo, e in più, possiede una classica barra delle applicazioni molto simile a quella che troviamo su Windows.

CONDIVIDI
Articolo precedenteXiaomi Redmi 3 lo smartphone che ridefinisce la fascia entry-level Android
Prossimo articoloExynos 8, ecco le sue potenzialità in un’infografica