google tone

Google Tone è una nuova geniale estensione per il browser Chome che consente di condividere i link attraverso dei semplici suoni.

In un mondo in cui ormai si è costantemente connessi alla rete e la condivisione di foto, momenti, video, pensieri, musica, con amici, parenti e conoscenti che vivono in ogni angolo del pianeta è diventata la quotidianità ed un gesto estremamente semplice da compiere per milioni di persone, Google si è resa conto che condividere con chi è fisicamente vicino a noi, non è altrettanto facile ed ha così deciso di realizzare una speciale estensione per il proprio browser Chrome, che promette di rivoluzionare la condivisione tra persone vicine, sfruttando i suoni, l’add-on Google Tone.

Fino ad oggi ad esempio, per condividere con il proprio collega di lavoro un link era necessario, copiare l’indirizzo url della pagina di condividere, aprire la posta od il programma di messaggistica installato sul proprio PC, incollare l’url, selezionare il destinatario e procedere all’invio.

[

Ora con Google Tone, tutte queste operazioni non saranno più necessarie: sarà infatti sufficiente scaricare l’estensione, attualmente in fase sperimentale, dallo store di Chrome su tutti i dispositivi che la utilizzeranno. Quando sarà necessario condividere un link con chi è nelle nostre vicinanze, basterà premere il tasto con l’icona del megafono in alto a destra su Chrome ed attendere l’inizio della riproduzione dei segnali acustici che saranno “ascoltati” dai PC dei destinatari che mostreranno così il corretto link.

Google Tone è stato realizzato in appena un pomeriggio di lavoro da Alex Kauffman di Google che ha così commentato sul proprio blog questa sua particolare idea:

Tone nasce dall’idea che mentre i metodi di comunicazione digitale come e-mail e chat hanno reso infinitamente più facile, più economico e veloce  la condivisione con le persone di tutto il mondo, hanno in realtà reso più complicato condividere le cose con la gente accanto a noi. Tone mira a rendere la condivisione con le persone vicine, facile come parlare con loro.

Abbiamo provato Google Tone riscontrando alcune difficoltà nel riuscire a far rilevare i segnali acustici su computer vicini al mittente, anche se ovviamente l’estensione è attualmente in fase di sperimentazione e sarà necessario del tempo per le opportune ottimizzazioni. Inoltre chiaramente l’orientamento di microfoni e casse, l’ambiente e la sensibilità del microfono, sono fattori che influenzano l’affidabilità del sistema di riconoscimento di Tone, che comunque rimane un’idea assolutamente da provare e che potrebbe cambiare il nostro concetto di condivisione.

Per provare Google Tone è sufficiente disporre di un PC con casse e microfono ed avviare l’installazione dell’estensione, attraverso Chrome, dal link sottostante e seguire le semplici istruzioni che verranno visualizzate. Ovviamente, aspettiamo i vostri commenti e giudizi a riguardo.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa mail diventa chat grazie a Microsoft Flow
Prossimo articoloYelp verrà integrato nella lock screen di HTC One M9