biro

Da una geniale idea di Marco Santarelli arriva Biro, il robot italiano che controllerà i consumi di casa consentendo risparmi fino al 30% sulla bolletta elettrica.

Un robot alto solo 35 centimetri che gira per casa, controllando gli sprechi elettrici, stilando un rapporto dettagliato e consigliando dove e come risparmiare fino al 30% delle bollette. Questa l’idea di Marco Santarelli, esperto di analisi delle reti e collaboratore storico di Margherita Hack, alla base del progetto che ha portato alla nascita dì Biro, il primo robot italiano dedicato al risparmio energetico.

Come funziona Biro

Biro utilizza raggi infrarossi e vari sensori per “fotografare” l’ambiente casalingo, cercando di monitorare, nell’arco di 30 giorni, la frequenza di accensione delle luci, l’assorbimento energetico degli elettrodomestici ed anche la dispersione di calore in casa, fornendo poi una mappa energetica completa dell’ambiente analizzato, sfruttando anche il collegamento diretto al servizio di geolocalizzazione 3d Street View di  Google Maps, indicando dove e come ridurre i consumi e gli sprechi energetici. 

Lo stesso Santarelli ha fornito una descrizione dettagliata del suo Robot Biro:

“Il robot fa una fotografia energetica dell’appartamento. Una diagnosi con l’obiettivo di capire in che modo è utilizzata l’energia, per individuare eventuali cause di sprechi e indicare quali interventi si possono attuare sia per valutare la fattibilità tecnica sia per quella economica delle azioni proposte, prevenendo gli atteggiamenti errati. Si tratta di un ospite prezioso basti pensare che la bolletta media della famiglia italiana potrebbe passare da 580 euro l’anno a 400, con un risparmio secco di 180 euro”.

Biro in realtà era già stato presentato lo scorso anno, ma questa nuova versione ha apportato diverse novità rispetto al passato: non sarà più necessario infatti attendere giorni per ricevere i risultati dei controlli di Biro, ma sarà possibile consultare i dati ogni qualvolta lo si desideri, potendo così cambiare velocemente le cattive abitudini e ridurre gli sprechi energetici con maggiore semplicità. Biro sarà inoltre interfacciabile con smartphone e pc, consentendo a professionisti del settore di dare consigli su come attuare miglioramenti alla propria abitazione, in modo intelligente e con un occhio al risparmio. Anche lo stesso Biro inoltre sarà “green”, grazie a speciali pannelli fotovoltaici posizionati sulle sue “spalle”, che consentiranno un consumo estremamente ridotto di energia elettrica per il suo funzionamento.

Il fratello maggiore di Biro entrerà nelle aziende

Santarelli già guarda al futuro del risparmio energetico, annunciando un progetto dedicato alle aziende che porterà alla realizzazione di un robot dalle dimensioni decisamente più imponenti rispetto al piccolo Biro:

“Biro è il primo progetto dedicato alle famiglie e ai piccoli consumatori, a cui farà seguito quello più ambizioso che vuole arrivare alle aziende a cui fanno capo circa il 44 per cento dei consumi elettrici nazionali. Per questo stiamo lavorando su un automa dalle forme umanoidi alto 1,61 metri pensato per monitorare i consumi energetici delle aziende, in grado di muoversi, parlare e accompagnare gli Energy Manager».