Home » News » Apple regina dell’ambiente, male Amazon e Netflix

Apple regina dell’ambiente, male Amazon e Netflix



Con la diffusione del report “Clicking Clean: Who is Winning the Race to Build a Green Internet?”, Greenpeace ha promosso ancora una volta il colosso Apple per l’uso delle energie rinnovabili, mentre ha bacchettato Netflix, Amazon Web Services e Samsung per il motivo opposto: “quello che emerge è che mentre Apple, Google, Facebook e Switch, azienda leader nel settore dei data center, stanno compiendo grandi passi in avanti verso l’obiettivo di alimentarsi con energia al 100% rinnovabile, Netflix, Amazon Web Services e Samsung sono ancora in ritardo”, spiegano su Greenpeace Italia.

“Amazon – ad esempio – nonostante gli annunci in fatto di rinnovabili, continua a mantenere i suoi clienti all’oscuro circa le proprie decisioni energetiche. Altrettanto perplessi lascia Netflix, con un’impronta energetica che interessa un terzo del traffico internet in Nord America e che contribuisce in maniera significativa alla domanda di dati per lo streaming video, che sta solamente comprando crediti di compensazione delle emissioni, senza aumentare gli investimenti in energie rinnovabili, dopo aver promesso di controbilanciare completamente le proprie emissioni di CO2 nel 2015”, continua il comunicato.

Greenpeace ha inoltre reso noto che quasi 20 compagnie del settore informatico si sono impegnate nell’uso di energia rinnovabile per le proprie attività. Luca Iacoboni, responsabile campagna Clima ed Energia di Greenpeace Italia ha spiegato che “al pari di Apple, Facebook e Google, Netflix è uno dei più grandi attori della galassia di internet e gioca un ruolo chiave nel decidere con quale energia questo settore vada alimentato. Netflix deve dunque prendersi la responsabilità di assicurare che la sua crescita sia alimentata da energia rinnovabile, non da combustibili fossili, e deve porsi come capofila su questo tema”.

Tutt’altra storia per Apple, la cui attenzione per l’ambiente è notevolmente cresciuta negli ultimi anni specie sotto il comando di Tim Cook. Sono più di tre anni che il colosso di Cupertino sta investendo in fonti rinnovabili, come il fotovoltaico e l’eolico, al fine ultimo di alimentare ogni operazione del gruppo con energia al 100% pulita.

Quest’anno l’azienda dalla mela morsicata ha raggiunto l’83% del Clean Energy Index di Greenpeace, riconfermandosi come la società più attenta all’ambiente fra quelle del settore tecnologico.