Apple iPhone 8, scansione 3D o Touch ID? Tutte le teorie degli analisti

Apple iPhone 8, scansione 3D o Touch ID? Tutte le teorie degli analisti

Circolano sempre più indiscrezioni sul nuovissimo iPhone 8 di casa Apple atteso per il prossimo settembre. Recentemente l’analista di KGI Securities, Ming-Chi Kuo, ha sostenuto che il nuovi dispositivo di Cupertino potrebbe disporre della funzione di riconoscimento facciale assieme al Touch ID.

Tuttavia, secondo gli ultimi rumors trapelati online, sembra che il nuovo iPhone sia caratterizzato da uno schermo curvo OLED da 5.8 pollici, con effettiva superficie  touch di 5.1 pollici, in grado di coprire l’intero pannello frontale, ragion per cui l’azienda  avrebbe deciso di rimuovere Touch ID, finora inserito nel tasto Home, per aggiungere le funzioni di scansione direttamente nel display.

Inoltre, secondo quanto affermato da Kuo, sembra il nuovi device possa disporre di un nuovo sensore per la scansione delle impronte digitali, che dovrebbe essere posizionato direttamente sotto il display dell’iPhone, in una zona chiamata Function Area.

Anche l’analista Timothy Arcuri, sostiene che lo scanner facciale potrebbe sostituire il sistema di Touch ID o perfezionarne la funzionalità tramite un sistema di verifica a due fattori.

Ad oggi, l’analista di JP Morgan, Rod Hall, ha avanzato una nuova teoria che vede come sistema di sicurezza del nuovo dispositivo Apple la sola forma avanzata di riconoscimento facciale, basato sulle tecnologie 3D.

A sostegno di tale teoria anche alcune indiscrezioni provenienti dai distretti produttivi asiatici, le quali affermano che il colosso di Cupertino starebbe pensando di inserire uno scanner 3D per il riconoscimento facciale probabilmente basato su una tecnologia laser.

I dettagli del funzionamento dell’innovativo sistema non sono ancora stati resi noti, tuttavia sembra che possa essere capace di scansionare ed elaborare una mappa 3D del volto dell’utente in pochissimi secondi, garantendo l’accesso rapido al dispositivo. Inoltre, sempre secondo le teorie di Hall, la tecnologia laser potrebbe essere sfruttata anche per altri scopi, come ad esempio la realtà aumentata, anche se simili funzioni potrebbero non vedere la luce prima del 2018.

Ad oggi, sembra che la maggior parte degli analisti stiano convergendo su una nuova teoria, ovvero che iPhone 8 potrebbe essere caratterizzato da un prezzo più elevato rispetto ai modelli della precedente linea, non solo per le innovazioni tecnologiche appena citate, ma soprattutto per via dei materiali con i quali sarà composto il dispositivo, che prevedono la presenza di una nuova scocca in vetro e acciaio inossidabile.

Alcune indiscrezioni circolate nel Web ritengono che il nuovo melafonino possa facilmente superare la soglia dei 1.000 dollari, e tale prezzo dovrebbe corrispondere alla configurazione base, ovvero quella provvista di minor storage.

 
Hai trovato questa notizia interessante e vuoi ricevere tutte le news di giornata per posta elettronica? Iscriviti alla newsletter di KeyforWeb.it inserendo qui sotto la tua email: