APPLE LEGALE

Che Android sia il sistema operativo mobile più usato non è una novità, ma se Google padroneggia in ambito consumer, Apple non resta a guardare e sviluppa sempre più la sua presenza in abito professionale, precisamente in ambito legale. Recentemente è stato fatto un sondaggio, da un’agenzia che si occupa di software gestionale in ambito legale, intitolato “Apple negli Studi Legali” dove vengono esaminati nel dettaglio tutti gli usi dei dispositivi Apple sparsi nei vari studi legali del Nord America.

Lo studio è stato eseguito nel 2013 ed ha evidenziato un’incredibile aumento nell’uso di prodotti iOS con un aumento del 10% nell’uso dei Mac in ufficio (passando dal 56% del 2012 al 66% del 2013) e nell’uso di iPad (passando dal 57% al 67%); l’uso di iPhone invece è passato dal 12% al 74% c0n la conseguente drastica diminuzione di dispositivi BlackBerry e Android.

I dati raccolti indicano anche che il 52% dei partecipanti al sondaggio ha scelto prodotti Apple per la maggiore affidabilità e sicurezza constatandone un beneficio nell’utilizzo che si attesta al 28%. Sempre in abito di intervistati, il 10% ha già familiarità con i prodotti Apple e solo il 3% di loro ha dichiarato di aver adottato prodotti Apple per motivi di design o estetici. Il report, inoltre, ci dice che con l’avvento dell’iPad, l’uso professionale nel settore legale è aumentato dal 10% al 67%.

Il co-fondatore della società Clio, che ha effettuato il sondaggio, ha dichiarato:

Per il quarto anno consecutivo, i risultati del sondaggio inerente l’uso dei prodotti Apple negli studi legali ha evidenziato iPhone ed iPad come due dispositivi che hanno rimodellato il panorama della tecnologia in campo legale, con due studi su 3 che utilizzano un iPhone o un iPad. Poche tecnologie hanno raggiunto questo livello di ubiquità negli studi legali.

Via