Apple: brevetto mostra Siri rispondere a bassa voce se un utente bisbiglia

Apple: brevetto mostra Siri rispondere a bassa voce se un utente bisbiglia

Un nuovo brevetto recentemente rinvenuto mostra come Apple stia lavorando per migliorare Siri e le sue funzionalità principali. Originariamente Apple ha depositato il brevetto nel 2016, ma oggi è stato reso pubblico.

Essenzialmente, questo brevetto si riferisce a come Siri potrebbe individuare il sussurro di un utente e rispondere a bassa voce. Come riferito per la prima volta da Gizmodo, nei documenti che accompagnano il brevetto del colosso di Cupertino viene specificato che si tratta di “un assistente digitale in grado di rilevare un ingresso vocale sussurrato e fornire una risposta vocale sussurrata”.

I documenti proseguono spiegando alcuni casi d’uso per questa funzione. Per esempio, l’azienda scrive che potrebbe essere usato in una biblioteca dove “parlare ad alta voce può essere proibito”. Inoltre Apple afferma che “fare in modo che Siri sussurri può aiutare gli utenti a rispettare i colleghi mentre lavorano in un cubicolo”.

Naturalmente, l’azienda cita anche la questione della privacy relativa a tale funzionalità: avere un utente in grado di bisbigliare a Siri e di farla sussurrare significherebbe teoricamente che le informazioni più sensibili potrebbero essere condivise tramite l’assistente vocale.

L’idea centrale del brevetto è che Siri debba essere in grado di riconoscere quando un utente sussurra, cosa che probabilmente sembra essere una caratteristica impegnativa da implementare, soprattutto quando Siri si trova già alle prese con comandi e ambienti più difficili. Apple, tuttavia, sostiene che un dispositivo come l’iPhone o Apple Watch sarebbe in grado di misurare l’ampiezza di un ingresso e i modelli di frequenza per rilevare il mormorio. Inoltre, il brevetto suggerisce che Siri potrebbe anche riconoscere il tono utilizzato dall’utente e rispondere in modo simile.

Tuttavia, è sempre importante notare che le domande di brevetto non sono sempre completamente indicative delle caratteristiche future, anche se suggeriscono che tipo di lavoro sta facendo Apple dietro le quinte. Resta però da vedere se questa caratteristica possa mai vedere la luce del giorno.

 
Hai trovato questa notizia interessante e vuoi ricevere tutte le news di giornata per posta elettronica? Iscriviti alla newsletter di KeyforWeb.it inserendo qui sotto la tua email: