Metaio

A quanto pare nei primi del mese Apple ha completato l’acquisizione di Metaio, un’azienda tedesca specializzata in realtà aumentata, nata inizialmente come progetto parallelo per Volkswagen.

L’acquisizione è stata svelata lo scorso giovedì dal blog statunitense TechCrunch, il quale ha documentato la notizia mostrando un post su Twitter che riportava un atto legale presumibilmente a conferma del pieno passaggio di proprietà delle quote azionarie da Metaio a Apple.

Metaio ha di fatto annullato di recente la conferenza dedicata agli utenti che era stata programmata per il prossimo giugno, ha disattivato gli account Twitter, e pochi giorni fa ha pubblicato un messaggio che annunciava la fine delle vendite di prodotti e abbonamenti.

[

Nelle interviste Apple ha commentato, come di consueto: “Di tanto in tanto avviene che Apple acquisti aziende tecnologiche di più modeste proporzioni, ma normalmente non parliamo dei nostri obiettivi o progetti“.

Secondo quanto è possibile appurare dal sito stesso della Metaio, l’azienda sarebbe specializzata in soluzioni software incentrate su realtà aumentata e visione artificiale, strumenti cioè capaci di combinare immagini reali con elementi grafici aggiunti digitalmente. Uno strumento in particolare, il Metaio Creator, consentiva ai clienti di creare esperienze interattive immersive, utilizzando dispositivi già esistenti come gli iPad della Apple. Come si può vedere dal video sottostante, un’applicazione della Ferrari permette a possibili clienti di usare un tablet per provare a sovrapporre un determinato allestimento al modello reale dell’auto.

https://youtu.be/DT5Wd8mvAgE

I progetti di Apple per Metaio e il suo staff restano pocho chiari, ma è da un po’ che Cupertino stava cercando hardware e software progettati per la realtà aumentata. A marzo si era detto che Apple già possedeva un team atto ad esplorare potenziali iniziative in tale ambito, ed infatti, oltre alle ricerche e agli esperimenti condotti in sede ed attualmente in corso, sarà bene ricordare che il gigante dalla mela morsicata possiede anche una molteplice varietà di brevetti relativi a una vasta gamma di applicazioni per realtà aumentata (compresi display trasparenti, strumenti di mappatura e schermi virtuali da integrare agli iPhone).

Via

CONDIVIDI
Articolo precedenteAndroid M porta nuove API per lo sviluppo dell’app torcia
Prossimo articoloLumia RM-1106, nuovi rumors su Lumia di fascia alta