Sono molti i possessori di iPhone che hanno aderito alla pratica di fare il jailbreak sul proprio dispositivo. Ecco oggi una conseguenza.

Chi possiede un iPhone decide spesso di mettere in atto questa pratica molto rischiosa, che consiste in definitiva nel violare il sistema operativo iOS per riuscire ad avere funzionalità aggiuntive altrimenti non poermesse. Ad esempio, grazie al hailbreak è possibile scaricare anche app da altri store, e non solo su quello di casa Apple.

Entrare in queste terre non significa solo avere un maggior controllo e libertà del proprio iPhone. Porta infatti anche a una minor sicurezza e un’esposizione crescente a possibili attacchi hacker. Ed è proprio questo ciò che è accaduto a 225mila account che sono stati violati in questi giorni. Alcuni utenti si sono appunto resi conto che il loro dispositivo Apple è stato hackerato dal malware KeyRaider, che è arrivato sull’iPhone scaricando da altre fonti meno attendibili.

Le statistiche arrivano da WeipTech, che parlano appunto di 225mila accout violati. Sembra invece che, coloro che non hanno fattto il jailbreak del proprio iPhone non corrono alcun rischio in questo senso e la loro sicurezza rimane elevata!