In queste ore circola online la notizia riportata sul sito Independent, dove si afferma che il famoso gruppo di attivisti hacker conosciuto come Anonymous – noto specialmente per i suoi attacchi contro il rpesidente USA Donald Trump e contro l’ISIS – abbia diffuso un video nel quale avanzerebbe l’ipotesi che la NASA stia per annunciare la scoperta di forme di vita aliene.

Secondo quanto riporta il britannico Independent, sembra che nell’ultimo incontro della “Us Science Space and Tecnology committee” della NASA il professor Thomas Zurbuchen, avrebbe dichiarato quanto segue: “La nostra civiltà sta per scoprire le prove di vita aliena nel cosmo. Alla luce delle ultime missioni che sono impegnate nella ricerca di vita aliena, siamo sul punto di fare una delle più straordinarie e senza precedenti scoperte della storia”.

Ciò sarebbe collegato alla recente scoperta di ulteriori 219 esopianeti, ovvero dei Pianeti al di fuori del nostro sistema solare: tra questi ben 10 si trovano nella “fascia di Goldilocks“, ovvero una zona dello Spazio che potrebbe avere alte probabilità di ospitare forme di vita grazie alla loro posizione né troppo lontana né troppo vicina alla Stella attorno alla quale orbitano.

Tale notizia è stata rilanciata sui principali tabloid inglesi e si sta diffondendo a macchia d’olio sui vari blog e testate giornalistiche italiane: la maggior parte degli articoli si concludono chiedendosi se tale annucio è frutto di una bufala o se magari può avere un fondo di verità.

Ad ogni modo ci sono un paio di elementi che rendono questa notizia ancora meno attendibile: il sito Independent cita come fonte Anonews.co specificando che si tratti del sito ufficiale di Anonymous, ma in realtà il vero sito del gruppo hacker è anonofficial.com e già questo elemento desta sospetto. A rafforzare l’ipotesi che possa essere solo un’ennesima bufala acchiappa click c’è anche la presenza di un articolo della divisione inglese della rivista Complex che stila una lista di siti di fake news dove compare appunto il sito Anonews.co… Una coincidenza? Io non credo!

CONDIVIDI
VIAComplex UK
FONTEIndependent