Ci troviamo a meno di una settimana di distanza dall’apertura ufficiale del Mobile World Congress di Barcellona, che sarà teatro per l’uscita dei nuovi Samsung Galaxy S7 , LG G5 e Xiaomi MI 5. Ciò che colpisce non è tanto l’upgrade prestazionale che periodicamente si sposa all’uscita dei nuovi dispositivi basati sui sistemi Android, quanto l’apparente impossibilità di dare una sferzata di energia ai nostri vecchi device prima di passare ad un modello con caratteristiche da top di gamma. Vogliamo quindi spiegarvi come, con semplici tricks, sia possibile velocizzare realmente il vostro telefono Android.

Segui questi trucchi prima di mandare in pensione il tuo Android

Lo so sembri disperato ed avresti voglia di gettare il tuo device dalla finestra. Fermo! Abbiamo la soluzione per te. Con questi semplici trucchi sarai in grado di raddoppiare la reattività del tuo dispositivo senza ricorrere alle maniere forti, basta solo qualche attimo del tuo tempo. Indubbiamente risorse hardware all’avanguardia incidono notevolmente sulle prestazioni generali del dispositivo ma possiamo comunque regalare qualche altro mese al nostro device prima di barattarlo con uno dalle prestazioni fantasmagoriche. Come l’hardware, anche il software, infatti, svolge un ruolo fondamentale nel determinare le prestazioni del nostro telefono. Animazioni, effetti di transizione ed applicazioni non ottimizzate possono rendere snervante l’interazione col nostro dispositivo. Ma il rimedio esiste.

Android trucchi

Per intervenire sulle Impostazioni Android che rendono disagevole l’esperienza utente a causa di continui rallentamenti, occorre sbloccare un menu segreto chiamato Opzioni Svilluppatore, il cui accesso si ottiene tappando per 7 volte sul Numero Build accedendo alla schermata delle Info Telefono sotto Impostazioni. Adesso abbiamo abilitato il menu. Arrivati a questo punto accediamo alla voce e scorriamo verso il basso sino ad individuare le sezioni: Scala Animazione, Scala Animazione Finestra e Scala Durata Animazione (settate di default a 1X). Sono queste le voci responsabili dei lag, visto che hanno il compito di creare le microtransizioni grafiche durante il passaggio da una finestra all’altra delle applicazioni.

Bene. Adesso potete scegliere di scalare il fattore di animazione a 0,5X oppure, in maniera ancor più drastica, optare per la loro completa disattivazione. Per esperenza diretta, consiglio di disattivare le animazioni in via definitiva visto che dopo un pò non ci farete più caso. Il guadagno non verrà registrato solo a livello di rapidità di esecuzione ed accesso alle informazioni, ma anche in termini di risparmio energetico complessivo visto che il chip grafico verrà adoperato con minor frequenza. Ovviamente, l’operazione è reversibile e variabile in qualsiasi momento allo stesso modo. Fateci sapere com’è andata lasciando un commento.

VIA

CONDIVIDI
Articolo precedenteSpotify regala Chromecast a tutti i nuovi abbonati Premium
Prossimo articoloWindows 10 Mobile: via al rilascio a partire dal 29 Febbraio?
  • grazie

    • Domenico Pitasi

      A vostra completa disposizione 🙂

  • Marco

    L’ho fatto. Non so ancora dirvi com’è andata perchè non noto differenze…forse sono un pirla!