Android O, rilascio su Google Pixel atteso per agosto

    Android O

    Android O è ormai giunto alla sua seconda release, ma per il rilascio ufficiale bisognerà ancora pazientare ed attendere lo spirare del periodo estivo. Il prossimo importante aggiornamento di sistema del sistema operativo mobile di Google – verosimilmente etichettato come Android 8.0 – debutterà dapprincipio su Google Pixel e Pixel XL, oltre che sui dispositivi Nexus supportati. Per inciso gli stessi terminali sui quali Android O è ancora confinato nella sua preliminare e propedeutica fase embrionale.

    A detta di alcune ricostruzioni a mezzo Twitter di David Ruddock dell’affidabile redazione di Android Police, il gigante di Mountain View avrebbe già scelto e programmato la data dell’aggiornamento finale: trattasi, nello specifico, della prima od al massimo seconda settimana del mese di agosto. La notizia, si badi, vede come protagonista assoluto la gamma Google Pixel, sebbene sembra esser plausibile e verosimile auspicare un rilascio contestuale – od al massimo entro qualche settimana – di Android O anche nei riguardi dei vecchi dispositivi Nexus. L’aggiornamento, nella sua versione finale e definitiva, dovrebbe pertanto approdare a mezzo OTA (Over The Air) tra due mesi.

    Bisogna ad ogni modo fare un discorso un po’ più ampio, allorché le date di rilascio sono a volte oggetto di cambiamenti anche un po’ inaspettati, malgrado Ruddock abbia di fatto certificato in modo netto l’affidabilità della sua fonte. Le informazioni si fermano qui, e di Google Pixel 2 non v’è traccia: il produttore di Mountain View è già al lavoro sui prossimi smartphone impreziositi dall’esperienza stock di Android (da valutare se Android 8.0 od una versione ad-hoc 8.1), ma finora non sappiamo alcunché per ciò che riguarda la data di presentazione ufficiale. Difficile auspicare infatti un loro debutto già ad agosto – magari di concerto con il rilascio di Android O – ed al momento prende sempre più corpo l’ipotesi di una ufficializzazione programmata tra settembre ed ottobre, alla stregua degli apprezzati (ma non ancora disponibili in Italia, purtroppo) modelli attualmente in commercio.

     

    VIATwitter
    CONDIVIDI