Risale alla prima decade di questo mese un nostro articolo riguardo la violazione del Secure Boot della Microsoft, un grave attacco che avrebbe potuto causare gravi danni ai dispositivi Windows. Ma non tutti i mali vengono per nuocere. Uno sviluppatore appartenente al forum XDA è riuscito ad installare Android Marshmallow su un vecchio Nokia Lumia 525 – fermo alla versione Windows Phone 8.1 – sfruttando, molto probabilmente, la falla del Secure Boot.

Nokia Lumia 525, da Windows Phone ad Android Marshmallow.

A portare a termine la conversione è stato Triszka Balázs. Partendo da un Nokia Lumia 525 con sistema operativo Windows 8.1 e prestazioni pressoché ridotte – display da 4 pollici con risoluzione 800×480, processore Qualcomm Snapdragon S4, memoria RAM da 1 GB e storage da 8 GB – è riuscito a tirarne fuori un dispositivo montante il bootloader LK, la recovery TWRP e Android 6.0 Marshmallow (CyanogenMod 13).

A detta dell’hacker, il lavoro non è da definire semplicissimo. Infatti richiede ancora diverso tempo per perfezionare alcuni aspetti, quali suono e connettività, oltre che l’implemento di tutti i driver richiesti. Tutto sommato, nel giro di qualche altra settimana il lavoro dovrebbe essere terminato.

Ma il Nokia Lumia 525 non è il solo dispositivo a godere del passaggio da Windows Phone ad Android Marshmallow. Una volta terminata la conversione del Lumia 525, a passare sotto le mani dell’hacker sarà il Lumia 520 – di poco inferiore all’altro modello riguardo principalmente la memoria RAM – con il fine di riuscire a rilasciare un’anteprima per un dual boot tra Windows Phone ed Android utile per altri sviluppatori. Sarà la volta buona per riciclare device oramai abbandonati?

Via

CONDIVIDI
Articolo precedentePlaystation 4, nuovi dettagli sul firmware e dirette streaming a 60 fps
Prossimo articoloFacebook Lifestage, l’app iOS che strizza l’occhio ai teenager
  • Mary Corso

    Wow! Sarà possibile anche su un lumia 800? O è troppo da chiedere. Principalmente per che non ha tutta questa disponibilità per acquistare nuovi cellulari a ritmo di acquisto delle bottigliette d’acqua.