WorkMail

Secondo il Wall Street Journal, Amazon vorrebbe aprire il suo primo negozio a Manhattan, nel cuore di New York per il periodo dello shopping natalizio.

Amazon, azienda fondata a Seattle, negli Stati Uniti d’America da Jeff Bezos, è diventata la società di commercio online più importante al mondo, potendo contare su un magazzino praticamente illimitato di prodotti di ogni genere e grazie a prezzi competitivi e spedizioni rapide e sicure. Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, Amazon avrebbe intenzione di aprire il primo negozio fisico sulla 34esima strada di Manhattan, ad un passo dall’Empire State Building, nel cuore di New York, giusto in tempo per il periodo dello shopping natalizio.

Se la notizia troverà conferme, si tratterà di una vera e propria rivoluzione per Amazon, che potrebbe utilizzare il negozio come magazzino per la vendita di alcuni dei prodotti maggiormente richiesti dalla clientela americana come gli ebook reader Kindle o i set top box Fire Tv, oltre a fungere da supporto ed assistenza per resi e guasti ed aiutando ulteriormente nella crescita il brand Amazon.

Il negozio garantirebbe poi, grazie alla già esistente catena di distribuzione utilizzata per le vendite online, la consegna di un prodotto nell’arco della giornata all’ordine: un cliente potrebbe quindi effettuare un ordine via web la mattina e ritirare il proprio prodotto nel negozio la sera stessa.

Secondo le fonti dell Wall Street Journal poi, se il negozio Amazon di New York si rivelerà un successo, come Bezos spera, il progetto sarà esportato prima in altre città degli Stati Uniti e successivamente anche a livello globale.

L’idea di sicuro è interessante, anche se il WSJ è meno entusiasta e paventa la possibilità di un fallimento per Amazon, che fino ad ora ha dovuto gran parte del proprio successo agli ottimi prezzi di vendita dei prodotti (oltre alla velocità di consegna e qualità del supporto) e che con i costi di affitto e assunzione del personale, potrebbe non essere più così competitiva, con conseguente diminuzione degli introiti.

Seguiremo la situazione per conoscerne gli sviluppi, ma troviamo che l’idea di Amazon in realtà possa rivelarsi vincente, sopratutto fuori dagli Stati Uniti ed in paesi, quale l’Italia ad esempio, dove l’e-commerce tende sempre a spaventare il consumatore e dove la presenza di un negozio ‘fisico’, potrebbe solo aiutare ad aumentare il fatturato, compensando l’assunzione di personale ed i vari costi di gestione legati ad un vero e proprio negozio.

Cosa ne pensate? Aspettiamo i vostri commenti!