La Alphabet Inc. è un’azienda degli Stati Uniti fondata nel 2015 come holding a cui fanno capo numerose società tra cui Google. Tra queste c’è la famosa Boston Dynamics, conosciuta per i suoi robot dalle forme bizzarre.

Di recente Boston Dynamics è stata venduta a SoftBank, una società giapponese di telecomunicazioni e tecnologie. I termini dell’accordo non sono stati divulgati, ma l’intenzione di vendere la società di robotica da parte di Alphabet era nota già da marzo del 2016.

Il colosso giapponese non è certo nuovo nel campo della robotica, difatti ha già all’attivo il famoso automa Pepper che sta cominciando ad essere utilizzato nelle principali attività commerciali come hotel e negozi. Oltre alla Boston Dynamics, SoftBank ha acquisito anche l’azienda Schaft, anch’essa specializzata in robotica.

“Noi di Boston Dynamics siamo entusiasti di essere parte della visione audace di SoftBank in merito alla creazione della prossima rivoluzione tecnologica e condividiamo la convinzione dell’azienda che i progressi tecnologici dovrebbero essere a beneficio dell’umanità. Non vediamo l’ora di lavorare con SoftBank nella nostra mission per spingere i limiti di ciò che i robot avanzati possono fare e per realizzare applicazioni utili in un mondo sempre più connesso e smart”, ha dichiarato Marc Raibert, CEO e fondatore di Boston Dynamics.

“Oggi ci sono molti problemi che ancora non possiamo risolvere da soli con le capacità umane. La robotica smart sta per essere un fattore chiave della fase successiva della rivoluzione informatica e Marc e il suo team di Boston Dynamics sono leader affermati nel campo dei robot dinamici avanzati. Sono lieto di accoglierli nella famiglia SoftBank e sono lieto di sostenerli mentre continuano a promuovere il campo della robotica e esplorano applicazioni che possono contribuire a rendere la vita più facile, più sicura e più soddisfacente”, ha aggiunto il CEO di SoftBank, Masayoshi Son.

FONTEFonte
CONDIVIDI
Articolo precedenteSamsung Galaxy Note 8 sarà il primo device ad uscire sul mercato con processore Snapdragon 836
Prossimo articoloOnePlus 3 vs OnePlus 5: ecco come registra l’audio il nuovo top gamma