virus regin

La famosa società per la sicurezza informatica, Symantec ci avvisa del virus Regin e presente in rete dal 2008, capace di carpire i nostri dati sensibili: dai dati della carta di credito ai messaggi di posta inviati, fino ad arrivare a fotografare una schermata del nostro PC, il tutto a nostra insaputa.

Il virus Regin è risalente all’ormai lontano 2008 e sarebbe stato creato per scoprire i segreti governativi, ma anche i segreti società o di persone comuni, di diverse nazioni e tra le più colpite ci sarebbero Russia, Irlanda e Messico. Secondo il rapporto pubblicato a Symantec, il Virus sarebbe multiforme, in quanto utilizza diverse forme per eludere i controlli dei principali antivirus e per scoprirlo sono stati investiti diversi fondi sia in termini economici che in tempi di tempo. A conclusione dello studio, sembrerebbe essere il prodotto di un’ intero Stato, e non come spesso avviene di un hacker che si è divertito con il suo codice per farsi conoscere al mondo.

Non è stato reso noto lo stato appartenente a questa minaccia, ne tanto meno ci sono delle prove certe per dire chi ne sia a capo; la conclusione viene dal fatto che il virus Regin è un malware avanzatissimo, programmato da professionisti che hanno avuto a disposizione enormi risorse economiche per poterlo sviluppare e rendere così efficace.
Symantec sostiene, inoltre, che Regin ha operato a livello dei provider di servizi internet per il 48%, passando per le dorsali di telecomunicazioni, dove transitano le informazioni degli utenti che navigano, per il 28% e concludendo con il settore alberghiero con il 9%, il settore energetico con il 5% e le compagnie aeree, sempre al 5%.
Attualmente non si conoscono ancora tutte le potenzialità di Regin, anche se probabilmente in futuro saranno rese note ulteriori informazioni, certo è che il cyberspionaggio rimane un argomento molto delicato, che va affrontato sicuramente in diversi ambiti e ad alti livelli politici.
CONDIVIDI
Articolo precedenteWiko Jimmy: nuovo terminale entry level a soli 90 euro
Prossimo articoloCome controllare i messaggi di Facebook su Android senza inviare la conferma di lettura