Come si legge sul sito ANSA, è stata scoperta un’app che bloccava lo smartphone non appena scaricata, disponibile solo per sistemi operativi Android.

Questa applicazione per Android promette di dare all’utente video pornografici sul proprio smartphone. Ma la realtà è ben diversa perché lo scopo dei suoi ideatori è quello di sequestrare il telefono e chiedere un riscatto di 500$ al mal capitato di turno. Con cosa lo ricatta? Se si fosse limitato a bloccare il telefono, non ci sono dubbi che la maggior parte delle persone, anche se con una certa rabbia, avrebbero preferito buttare il telefono e comprarne uno nuovo piuttosto che cedere al ricatto.

Il ricatto arrivava da alcune foto che l’app scaricava all’utente, le quali sarebbero state messe pubbliche se non dietro il compenso chiesto. Adult Player è stata scoperta dalla società di sicurezza informatica Zscaler.

Praticamente il telefono veniva reso inutilizzabile da quest’app non disponibile sullo Store ufficiale di Google e che, a ben leggere, chiedeva da subito il permesso di bloccare il telefono. Purtroppo però tale permesso viene chiesto da quasi tutte le applicazioni e per tanto l’utente certo non sospetta che Adult Player intendesse sequestrare il telefono. Non è certo il primo caso questo. Sempre Zscaler scoprì alcuni mesi fa Droid Porn, che bloccava il dispositivo e poi chiedendo il riscatto dicendo di essere l’FBI e che l’utente aveva violato la legge scaricando questo materiale. Anche qui la fantomatica multa era di 500 dollari da pagare attraverso paypal.

CONDIVIDI
Articolo precedentePS4 in offerta a 399€ con due titoli in omaggio da Euronics
Prossimo articoloScheda tecnica Sony Xperia Z5 Compact